Attualità

Il richiamo della prefettura ai sindaci di Roma e provincia su incendi e sterpaglie

virginia raggi bugie emergenza rifiuti - 1

I sindaci della provincia di Roma devono curare e tenere pulito il verde vicino alle case, alle strade e alle ferrovie per prevenire il rischio di incendi come quello di ieri a La Barbuta che ha costretto la polizia municipale a chiudere il Grande Raccordo Anulare. La prefettura lo ha scritto nero su bianco in una circolare che ha inviato ai primi cittadini, con Virginia Raggi in testa, e, racconta Lorenzo D’Albergo su Repubblica, suona come un aut aut:  in un modo o nell’altro, i Comuni dovranno provvedere.

Il richiamo della prefettura ai sindaci di Roma e provincia

Anche con ordinanze urgenti e affidamenti diretti, anche a costo di creare debiti fuori bilancio: in piena emergenza incendi non c’è tempo per bandire gare e vagliare le offerte dei privati interessati ad aggiudicarsi il servizio. Bisogna intervenire subito. Magari con l’aiuto della Regione.

Già, perché il vertice straordinario convocato ieri pomeriggio a Palazzo Valentini ha partorito anche una comunicazione bis: sarà inoltrata alla Protezione Civile e chiederà di considerare come una delle misure principali per uscire dallo stato di calamità il supporto ai primi cittadini alle prese con discariche abusive. Sono state considerate tra gli inneschi più pericolosi dai partecipanti al tavolo convocato dopo la lettera inviata venerdì dal governatore Nicola Zingaretti alle prefetture del Lazio, ma la loro rimozione costa.
Troppo se le amministrazioni e le loro partecipate, Ama in testa, hanno le casse in rosso. L’idea, se la controparte accetterà, è di arrivare a un contributo — anche economico — ai Comuni in difficoltà da parte della Protezione Civile. Così, su doppia richiesta delle numero uno del Campidoglio e di Palazzo Valentini, si dovrebbe arrivare a una ridefinizione dei contenuti del piano d’emergenza antincendio. Un masterplan che deve tenere conto da una parte della mancata manutenzione del verde urbano e dall’altra della piaga dei roghi tossici.

incendio campo nomadi la barbuta appia 3

La risposta di Virginia Raggi

Forse proprio per questo Virginia Raggi poco fa sulla sua pagina Facebook ha cominciato a mettere le mani avanti, sostenendo che il Campidoglio sta già lavorando alla manutenzione del verde pubblico:

Tutti noi, dal Campidoglio al Prefetto di Roma, dalla Regione, alle forze dell’ordine ai vigili del fuoco, ci siamo impegnati a rafforzare immediatamente i dispositivi di prevenzione.
In particolare si è deciso di monitorare le zone a rischio, prevalentemente vicine alle aree abitate, provvedendo alla manutenzione del verde prevalentemente a ridosso delle strade e delle linee ferroviarie e garantendo la costante pulizia dei terreni.
In questi mesi Roma Capitale, benché in stato di gravissima carenza di personale e mezzi, dovuta anche agli attacchi vandalici alle strutture del Servizio Giardini del Comune, ha avviato lavori di manutenzione del verde pubblico.

incendi roma virginia raggi prefettura
Il problema è che Virginia Raggi forse non ricorda cos’è successo al bando – anzi ai bandi – per la manutenzione del verde pubblico a Roma. Ad aprile l’assessora Pinuccia Montanari dava notizia dell’apertura di due bandi di gara europei per la manutenzione del verde pubblico a Roma. Si tratta di due bandi attesi da tempo che però nel 2016 l’assessorato guidato all’epoca da Paola Muraro non aveva approntato.

raggi bandi verde pubblico roma - 2
Fonte: GU del 24/04/2017

Ma, come dice la Raggi, per fare le cose per bene ci vuole tempo. E così il 24 aprile veniva pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando di gara, per l’affidamento del servizio per interventi di manutenzione delle alberature. Il problema è che appena cinque giorni prima, il 19 aprile, il governo ha emanato il DL 56/2017 con il quale è andato a modificare il codice degli appalti. Risultato: quel bando al quale l’amministrazione capitolina aveva lavorato “per bene” per oltre otto mesi è stato sospeso “a data da destinarsi”.
raggi bandi verde pubblico roma - 3

Il verde pubblico dimenticato a Roma

Si tratta di bandi con un importo complessivo pari a 9 milioni di euro, di cui 5 per la manutenzione del verde verticale e 4 per il verde orizzontale. Ma al momento sono scomparsi perché gli uffici dovranno correggerli per adeguarli alla normativa vigente.
raggi bandi verde pubblico roma - 4
Dal 1 luglio è partito un programma (da 3,5 milioni di euro) per il monitoraggio delle alberature. Ma nel frattempo la cura del verde pubblico di molti parchi cittadini (tra cui Villa Borghese, Villa Ada e il Lungotevere) è a rischio perché la gara è stata sospesa.

virginia raggi giardini
Corriere della Sera Roma, 19 giugno 2017

Ma per fortuna che c’è la Raggi, mentre Roma brucia.

Leggi sull’argomento: I bandi pubblici al tempo di Virginia Raggi che fa le cose “per bene”