Opinioni

Il politico più bugiardo, ignorante e cinico che la storia ricordi

Qualche perla (con note di traduzione) del politico più volgare, abietto, bugiardo, ignorante, cinico che la storia della galassia ricordi: Matteo Salvini (quasi in diretta da Piazza del Popolo).
“Siamo tornati indietro di 150 anni: non si fanno più figli mentre arrivano a 180mila all’anno dall’altra parte del mare. Io sono convinto che sia in atto un piano di sostituzione di popoli” (nota: 150 anni fa si facevano più figli, non meno, e ne morivano molti di più. Oggi purtroppo sopravvivono e diventano segretari della Lega)
“Io dico grazie a Umberto Bossi che mi ha svegliato, io dico grazie a Roberto Maroni” (nota: anche io gli dico grazie. E basta così per favore).
“Venissero in questa piazza quei quattro barboni a prendere lezioni di democrazia e civiltà” (nota: a quel punto entra Iannone col corteo di Casapound)
“Se andiamo al governo metteremo un’aliquota unica del 15% per tutti. Renzi aiuta i grandi, noi siamo vicini ai piccoli e ai medi” (nota: per piccoli e mediASET voleva dire, ma sti maledetti di sky censurano)
“Vergogna tassare i contadini mentre li vanno a prendere fino in Libia e non riportano i due Maro’ ” (nota: questa non significa un cazzo e basta)

Leggi sull’argomento: Buoni motivi per #maiconsalvini: 4 miliardi di multe per le quote latte, 70 euro per ogni cittadino