Politica

Dalla Casaleggio a Palazzo Chigi: il conflitto d’interessi di Pietro Dettori

pietro dettori

Annalisa Cuzzocrea su Repubblica di oggi racconta il conflitto d’interessi di Pietro Dettori, socio di Rousseau ed ex dipendente della Casaleggio che è in pole position per fare il capo di gabinetto del presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Palazzo Chigi:

In questa legislatura all’associazione Rousseau, nata alla morte di Gianroberto, vanno 300 euro al mese per ogni parlamentare del Movimento; cui si aggiungono i 300 euro mensili di tutti i consiglieri regionali sempre del M5S. Si tratta di oltre 6 milioni in cinque anni e di un crocevia di interessi diversi tra loro in mezzo ai quali si trova proprio Dettori: il “partito”, il gruppo parlamentare, l’azienda che ha le chiavi di Rousseau — la piattaforma dove il Movimento vota e vive — e infine il premier e il governo.

Dal punto di vista della comunicazione, le capacità non gli mancano: fu lui tra i primi a intuire le potenzialità dei social network come campo di battaglia politico e culturale. Un luogo dove i meme, gli sfottò, spararla grossa, provocare, banalizzare, dividere il mondo in buoni e cattivi, funziona più di un ragionamento complesso; tecnica ampiamente messa alla prova col blog di Grillo, dove post del genere (rimarrà nella storia il “cosa fareste in macchina con la Boldrini?”) andavano alla grande. Nonostante adesso Grillo tessa le lodi della piattaforma Rousseau, definita ieri in diretta video con la prima tappa a Torino del “Rousseau City Lab”, «un sistema straordinario, in anticipo sui tempi visto che c’è un pauroso ritorno all’analfabetismo».

pietro dettori blog beppe grillo autore casaleggio rousseau - 1
Pietro Dettori (a sinistra) con Gianroberto Casaleggio

E nonostante la comunicazione social di Conte, curata in prima persona da Dettori, sia oggi improvvisamente rassicurante, giovanile (vedi le stories su Instagram) e gioviale:

Invece il fratello di Dettori, Marcello, anche lui ex della Casaleggio, gestisce un sito che è tutto un programma: Silenzi e falsità. In pieno stile “tutto quello che i media ufficiali non vi dicono”, con annesse simpatie per Putin, fa propaganda per il nuovo governo giallo-verde.

«L’Italia — raccontava un enfatico editoriale di due giorni fa — è stata protagonista al G7 come mai era accaduto prima con i leaderini che facevano scompisciare dalle risate biascicando un inglese da scuola elementare (…) Gli altri leader si sono dovuti inchinare ai piedi dell’italiano Conte a supplicarlo di non spaccare pubblicamente il cosiddetto fronte europeo». Garantisce la famiglia Dettori.

Leggi sull’argomento: Pietro Dettori: chi è l’uomo della Casaleggio dietro al blog “di Beppe Grillo”