Politica

Il centrosinistra ha scelto il candidato per la Lombardia: sarà Pierfrancesco Majorino

neXt quotidiano|

Pierfrancesco Majorino

Il centrosinistra ha sciolto le riserve scegliendo il nome del candidato della coalizione per le prossime Regionali in Lombardia. Se il centrodestra ha deciso di puntare tutto sul Presidente uscente Attilio Fontana e il Terzo Polo ha virato sulla figura di Letizia Moratti, l’asse composto da Partito Democratico, Sinistra Italiana, Verdi e +Europa ha affidato a Pierfrancesco Majorino questa storicamente complicata battaglia elettorale. Ora, tra i principali partiti, manca solamente il nome proposto dal MoVimento 5 Stelle.

Pierfrancesco Majorino è il candidato del centrosinistra in Lombardia

Come per il Lazio – dove la convergenza della coalizione di centrosinistra (compreso il Terzo Polo) sembra aver puntato tutto sull’Assessore alla Sanità uscente Alessio D’Amato -, anche in Lombardia non ci dovrebbero essere le primarie. Perché i partiti hanno già fatto il loro unico nome, quello del 49enne milanese eurodeputato Pierfrancesco Majorino.

“Le forze del centrosinistra lombardo mi hanno chiesto di essere il candidato della coalizione alla presidenza di Regione Lombardia. Sono onorato ed emozionato. A partire dalla giornata di domani (oggi, ndr) le incontrerò per costruire insieme, e secondo le modalità condivise, la proposta più forte possibile per cambiare pagina in Regione. Possiamo battere la destra di Attilio Fontana e sono convinto che ce la metteremo tutta”.

Attilio Fontana e Letizia Moratti. Si spengono, dunque, le voci su una possibile alleanza tra il PD e il Terzo Polo attorno al nome dell’ex Assessora al Welfare e vice-Presidente della Regione Lombardia. Il tutto in attesa del MoVimento 5 Stelle che ancora non ha sciolto le riserve: il partito di Conte correrà in Lombardia? Se sì, lo farà in solitaria? Perché +Europa, per esempio, ha vincolato l’accordo nel centrosinistra sul nome di Majorino all’assenza in alleanza proprio dei pentastellati. Difficile, dunque, che il M5S possa unire le proprie forze (ricordando lo scarso appeal elettorale nelle Regioni del Nord) al centrosinistra per questa tornata elettorale locale.