Economia

Il piano regionale dei rifiuti nel Lazio e la discarica per Roma

discarica roma malagrotta

Il piano regionale dei rifiuti del Lazio è pronto: l’assessore Massimiliano Valeriani lo porterà in giunta venerdì prossimoo, al più tardi tra dieci giorni. Gli uffici tecnici stanno svolgendo le ultime analisi e concludendo la Vas (valutazione ambientale strategica). Dalle linee generali del piano, già note, è stato anticipato che ogni bacino dovrà essere autosufficiente: vale per tutte le province del Lazio, ma viste le dimensioni, Roma Capitale avrà un suo bacino. Dovrà dotarsi di un impianto di smaltimento:una discarica. Dove? Questo dipende dalle scelte della Città Metropolitana amministrata da Virginia Raggi. Spiega oggi Il Messaggero:

Il piano dei rifiuti della Regione imporrà a Roma Capitale l’autosufficienza per lo smaltimento: con la differenziata lontanissima dalle percentuali promesse, servirà una discarica di servizio. All’orizzonte c’è anche un altro spettro: due delle tre che Ama sta utilizzando fuori dai confini di Roma Capitale chiuderanno presto. Ricapitoliamo: ogni giorno Roma produce circa 3.000 tonnellate di rifiuti indifferenziati (d’estate qualche centinaia di tonnellate in meno). Vanno negli impianti di trattamento. Successivamente una parte degli scarti finisce in discarica. Attualmente sono disponibili nel Lazio quattro impianti di questo tipo: Colleferro (Roma), Roccasecca (Frosinone), Viterbo e Civitavecchia (Roma). Ma la discarica di Colleferro si sta esaurendo e chiuderà tra poco più di cinque mesi; Roccasecca finirà la sua attività in primavera.

piano regionale rifiuti discarica roma
Le discariche e gli impianti di trattamento nel Lazio (Il Messaggero, 21 luglio 2019)

Nel piano dei rifiuti regionali sono previsti anche centri per il riuso e impianti di trattamento di ultima generazione come quello che sarà realizzato a Colleferro, ma il vero problema è quella della discarica di servizio. Sulla quale adesso dovrà decidere la Città Metropolitana amministrata da Virginia Raggi.

Leggi anche: La mappa degli sgomberi a Roma