Economia

Perché i rimborsi TARI non partono

tari chi chiedere rimborso quota variabile - 2

Il modulo per il rimborso della Tariffa Rifiuti è online, ma a quasi due mesi dall’esplosione del problema, e svariati dibattiti parlamentari dopo, per i rimborsi della Tari illegittima su garage, cantine e altre pertinenze è tutto pronto, spiega oggi Il Sole 24 Ore:

C’è la certificazione del diritto all’indennizzo, scritta nella risoluzione 1/2017 del dipartimento Finanze; ci sono i moduli per le richieste, in carta semplice. E ci sono le dichiarazioni dei sindaci, come Beppe Sala a Milano, che hanno annunciato la possibilità di rimborsi automatici, senza nemmeno imporre agli utenti l’incombenza di chiederli. Mancano solo i rimborsi. E promettono di mancare a lungo. A frenarli ci sono due incognite non proprio di dettaglio.
Non è chiaro come calcolarli, e nemmeno come finanziarli. I due problemi sono legati fra loro dal principio cardine della Tari. Il suo gettito serve a finanziare il costo del servizio; e siccome raccolta e smaltimento dei rifiuti non possono essere coperti con fondi alternativi, gli euro rimborsati ai contribuenti colpiti dai calcoli illegittimi dovrebbero essere chiesti alla generalità degli utenti. Compresi quelli da rimborsare.

rimborsi tari
I rimborsi TARI (Il Sole 24 Ore, 9 dicembre 2017)

I rimborsi, che da istruzioni ministeriali possono guardare indietro fino al 2014 (nel 2013 c’era la Tares, che pure funzionava allo stesso modo), potrebbero quindi pesare fino a 48 milioni. Per sciogliere l’inghippo servirebbe una norma ponte, che permetta di coprire i rimborsi con le risorse del bilancio. Ma nessuno ha fretta.