Opinioni

Per Diego Fusaro il M5S si deve alleare con la Lega

La sinistra, “il Pd e Leu, ma non metto nel gruppo Marco Rizzo e’ irrecuperabile, irridemibile”. Lo dichiara, in una conversazione con l’Agi, il filosofo Diego Fusaro, a margine di ‘Sum’, la manifestazione organizzata dalla fondazione Gianroberto Casaleggio a Ivrea, dove e’ stato chiamato per parlare, dal palco, di ‘Lavoro e imprese’. La sinistra secondo il saggista, classe ’83, oggi guarda agli interessi mondialistici “contro quelli delle masse proletarie”. E aggiunge: “il nemico del Movimento 5 Stelle è il Pd”, anche se al suo interno c’erano esponenti “ottimi, ma poi ne sono usciti, come Alfredo D’Attorre e Stefano Fassina”, spiega.

diego fusaro didimo chierico - 9

A chi gli domanda se via sia una strada per rifondarla la sinistra, risponde: “mettere al centro il lavoro” e la tutela “dei lavoratori sfruttati”. Ma all’orizzonte si potrebbe profilare un’occasione di campo da parte del Movimento 5 stelle: “e’ a un bivio – nota Fusaro – puo’ rappresentare lavoratori o diventare il Pd 2.0” e bisognera’ aspettare di vedere quale sara’ la strada che decidera’ di intraprendere. Quanto all’ipotetica alleanza di M5s con la Lega: “la vedo piu’ plausibile e auspicabile”, ma “la flat tax proposta dal centrodestra e’ un errore madornale”.