Opinioni

Ma Gianluigi Paragone sta usando il voto al Senato per fare pubblicità al suo libro?

Il consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle Devid Porrello su Facebook ha chiesto le dimissioni di Gianluigi Bombatomica Paragone, che ha annunciato il suo no al governo Conte Bis:

Da settimane occupa il troppo spazio mediatico a lui concesso dagli ex colleghi per non necessarie dichiarazioni di voto contrario alla fiducia, una continua mancanza di rispetto per tutti gli attivisti che hanno votato su #Rousseau e dei quali lui dovrebbe portare la voce in #Senato. Negli scorsi anni il #M5S non ha tollerato atteggiamenti di questo tipo sanzionandoli attraverso i probiviri.

devid porrello

Paragone e gli altri eletti rispettino il voto della comunità che li ha fatti approdare al Senato e votino in maniera favorevole al #ConteBis, poi se non gli va più bene il M5S si dimettano e lascino il seggio a qualcuno che non si creda superiore alle norme per aver condotto dei programmi televisivi.

Ma Paragone dal canto suo non sembra molto preoccupato, anzi: un paio di giorni fa ha pubblicato su Facebook un post molto curioso con la copertina della sua ultima fatica letteraria, sostenendo che le ragioni del suo no sono scritte nel libro.

gianluigi paragone

Ma il libro è uscito molti mesi prima della dipartita del Conte One, quindi non si capisce in che modo possa spiegare un evento accaduto successivamente e che peraltro nel libro non viene previsto, visto che parla di tutt’altro. Non sarà un modo per fare pubblicità al libro, per caso, da parte del senatore che aveva annunciato le dimissioni in caso di voto di sfiducia al governo ma che poi ne ne ha più parlato?

Leggi anche: Lo strano fenomeno di quelli che «è un problema se Facebook oscura CasaPound»