Economia

Paolo Savona e l’aiuto della Russia al governo italiano sullo spread

proteste pensioni fornero russia putin - 3

La Stampa di oggi scrive in un articolo a firma di Marco Zatterin che il ministro degli Affari Europei Paolo Savona pensa alla possibilità di un aiuto da parte della Russia in caso di crisi dello spread in Italia e di mancato intervento da parte della Banca Centrale Europea. Nell’articolo, molto confuso per quanto riguarda il racconto soprattutto dei modi concreti in cui dovrebbe arrivare questo aiuto:

Di Maio e Salvini sono su un’altra frequenza. Cavalcano il fantasma del disastro annunciato, come se una sconfitta sui mercati generata da un debito oggettivamente mostruoso e da un paese troppo poco competitivo fosse inevitabile. I sondaggi dicono che porta più consensi del fare riforme e tanto basta.

Savona ha suggerito che in caso di tempesta dovrebbe essere la Bce ad aprire il portafoglio, acquistando titoli italiani. Lo ha detto a Draghi, nel faccia a faccia a Francoforte, cercando di convincerlo che l’eventualità costituirebbe un attentato alla stabilità monetaria dell’Eurozona e giustificherebbe la mossa. Sennò? Il ministro delle Politiche Ue è fra quanti immaginano «un’alternativa esterna», magari sotto forma di una garanzia russa, ipotesi che «stiamo esaminando». Se fossimo attaccati, se ne deduce, potrebbe essere un fondo sovrano di Mosca a tutelarci.

paolo savona stampa estera 1

Non si capisce perché la Russia, che rifiutò possibili aiuti alla Grecia all’epoca dell’accordo di Atene con l’Unione Europea, dovrebbe aiutare l’Italia e soprattutto se ne avrebbe davvero la possibilità dal punto di vista politico, oltre che la forza economica. Ma la tesi di Savona è questa:

Ammette il professore cagliaritano che la cosa creerebbe «seri problemi di politica estera» ed ha ragione. L’Italia, un grande Paese occidentale, uno Stato fondatore dell’Unione che non si cura abbastanza, viola i parametri a dodici stelle e poi chiede aiuto a Putin. Come aveva programmato Cipro e come ha pensato, senza frutti, di fare Atene per evitare la cura da cavallo di una austerità «europea» divenuta inevitabile dopo aver taroccato i conti pubblici e non solo.

La tesi del governo è che la nostra economia non sia in disequilibrio strutturale, anche se i numeri dicono il contrario. Pertanto si argomenta che l’offensiva dei mercati creerebbe uno sbilanciamento di liquidità che potrebbe essere serenamente rintuzzato dalla Bce. Oppure, alla peggio, dai russi. O dalla «fantasia al potere»

Sull’argomento c’è però da aggiungere quanto scritto oggi da Isabella Bufacchi sul Sole 24 Ore: in caso di rischio crisi l’Italia può difendersi attraverso una richiesta d’aiuto all’ESM:

Il ministro per gli Affari europei Paolo Savona, che ha incontrato Draghi a Francoforte a fine luglio, ha proposto il 10 luglio in occasione della presentazione delle linee programmatiche alle commissioni congiunte Politiche Ue di Senato e Camera, di sanare una “lacuna” e modificare lo statuto Bce per «assegnarle pieno e autonomo esercizio della funzione di lender of last resort» in mancanza del quale «i debiti sovrani restano espostiad attacchi speculativi senza che essa possa agire in contrasto».

Non essendoci unione fiscale tra i 19, che consentirebbe alla Bce di agire come fanno Federal Reserve, Bank of England e Banca del Giappone, la Banca centrale europea ha addirittura dovuto rinunciare al Securities markets programme (Spm) attraverso il quale, al culmine della crisi dell’euro nel 2010, acquistò 200 miliardi di titoli di Stato di Italia (100 miliardi in BTp) Spagna, Grecia, Portogallo e Irlanda senza chiedere in cambio alcuna condizionalità. Il Spm era per alcuni Paesi una sorta di “free lunch” ed è stato soppresso nel 2012 con l’arrivo delle Omt: la Bce può ora decidere di acquistare sul secondario i titoli di Stato di un Paese sotto attacco speculativo, che non ha perso accesso al mercato e non intende perderlo, che è solvibile e non ha bisogno di un programma bailout.

Le Omt sono però attivabili per il Paese che richiede all’Esm una linea di credito rafforzata (Enhanced conditions credit line) con condizionalità e MoU leggero ma sotto il controllo della troika. Le Omt non hanno automatismi, resta la discrezionalità della Bce: non soddisfano dunque l’economista della Lega Claudio Borghi, secondo il quale la Bce dovrebbe intervenire in automatico quando lo spread supera i 150 punti.

Leggi sull’argomento: Il conflittuccio d’interessi del commissario nominato da Toninelli