Opinioni

Paola Muraro sul blog di Grillo ci racconta il golpe dei rifiuti a RomAHAHAHAHAH

Così come Virginia Raggi e Daniele Frongia, anche l’assessora all’ambiente del Comune di Roma Paola Muraro decide di utilizzare la strategia del “Che ora è?” “Venerdì!” per rispondere alle critiche mosse nei suoi confronti. In un meraviglioso esercizio di supercazzola prematurata pubblicato sul blog di Grillo, la Muraro impiega ben 47 righe per replicare sulle questioni riguardo la sua figura in questi giorni riuscendo nel meraviglioso intento di buttarla in caciara in ogni punto. Andiamo a pescare fior da fiore:

Molte falsità sono state scritte sul mio conto. Primo: io non ho nessun conflitto di interessi: lavorare in qualità di consulente è legittimo. Sono un’esperta in materia di rifiuti e ho prestato le mie competenze per numerose aziende. La mia professionalità può incidere positivamente sulla guida del mio assessorato all’Ambiente a Roma. Quello che in qualsiasi azienda, in qualsiasi amministrazione sarebbe considerato un valore aggiunto, cioè competenza ed esperienza, viene usato dai vecchi partiti come fossero elementi negativi, perché tremano davanti alla volontà politica di sistemare i danni che loro stessi hanno causato.

Ovviamente nessuno ha mai detto che sia illegittimo lavorare come consulente. È invece falso che i “vecchi partiti” stiano accusando l’assessora Muraro di conflitto d’interessi. A farlo per primo infatti è stato il giornalista adorato dai grillini Sergio Rizzo sul Corriere della Sera. Ovviamente, come capirebbe anche un cretino, Rizzo non ha detto che lavorare in qualità di consulente, per la Muraro, è illegittimo. Nell’articolo in questione Rizzo comincia raccontando che Paola Muraro ha incassato dall’Ama fra il 2004 e il 2016 un milione 136 mila euro. Quelle somme sono state corrisposte all’attuale assessora all’Ambiente del Comune di Roma dall’azienda sulla quale ora lei ha competenze politiche in virtù di un rapporto di consulenza della singolare durata di 12 anni. E nell’ultimo periodo della sua consulenza ha avuto a che fare con Giovanni Fiscon e Franco Panzironi: il primo era l’uomo chiave che governava appalti, gare e affidamenti diretti, il secondo era il factotum di Alemanno. Entrambi dovranno rispondere di gravi accuse in tribunale.

Sono gli stessi anni in cui Paola Muraro presta ininterrottamente la propria consulenza (sindaci Walter Veltroni, Alemanno e Marino) proprio nel medesimo settore strategico degli impianti, e con un ruolo tutt’altro che marginale. Improbabile che abbia conosciuto Virginia Raggi in questo frangente. Anche se l’attuale sindaco il mondo romano dei rifiuti l’ha sfiorato, eccome. Mesi fa abbiamo tutti appreso (e non dal suo curriculum presentato al Comune) che Virginia Raggi è stata presidente di una società riconducibile alla fedelissima di Panzironi Gloria Rojo, assunta all’Ama e poi licenziata a seguito dell’inchiesta Parentopoli. Incarico spiegato da Virginia Raggi con il fatto che erano clienti dello studio Sammarco presso cui lei lavorava. Ma è comunque un particolare impossibile da omettere nel contesto che stiamo descrivendo.

laura muraro assessora ambiente conflitto interessi
L’articolo del Corriere della Sera sui conflitti d’interesse dell’assessora Laura Muraro

Paola Muraro conosce a tal punto quel segmento cruciale dell’Ama che quando le viene affidata la responsabilità dell’assessorato, trova subito la magagna: la città è sporca perché la spazzatura non viene portata agli impianti. Muovendo per questo dure accuse al presidente dell’azienda che non le ha rinnovato la consulenza (e con il quale l’ex consulente Paola Muraro ha anche in atto un contenzioso da 200 mila euro per un brevetto). Peccato che proprio su quegli impianti siano in corso indagini della magistratura. E non è un dettaglio.

Chiunque, in una storia del genere, vedrebbe l’ombra di un macroscopico conflitto d’interessi, conclude Rizzo. E dice una fesseria, visto che i grillini sono abituati a negare, negare, negare anche l’evidenza. E anche nell’occasione la Muraro scappa dal confronto evitando di rispondere nel merito della questione. Poi parla del suo compenso:

Hanno scritto anche del milione di euro per le mie consulenze in 12 (dodici) anni (dal 2004 al 2016). Mi faccio i conti in tasca: corrisponde a una media di 90.880 euro l’anno al lordo di tasse, previdenza, assicurazioni e spese per lo svolgimento dell’incarico. Considerando le ore prestate per la mia attività professionale si ottiene un compenso lordo pari a 76 euro al giorno. Vi sembra una cifra folle? E’ folle la strumentalizzazione che ne fanno! Senza contare che la mia consulenza nella controversia contro il proprietario della discarica di mala grotta, Cerroni, ha prodotto per Ama, l’azienda municipalizzata che gestisce i rifiuti, un risparmio pari a 900 milioni!

La Muraro, che qualche giorno fa asseriva di non sapere quanto avesse guadagnato in AMA, oggi si fa i conti in tasca… e sbaglia. Perché in realtà lei ha percepito 1 milione e 136mila euro, e quindi il compenso in media è di 94666 euro. E 94666 diviso 365 giorni (ma in realtà sappiamo che i giorni lavorativi sono molti di meno) fa 259, non 76. In ogni caso questa è la media del pollo di cui parlava Trilussa: la Muraro ha avuto un significativo aumento dei compensi durante l’era Panzironi-Alemanno, e anche questo è un dato su cui riflettere politicamente. In più dimentica di spiegarci come mai ha un contenzioso con AMA da 200mila euro per un brevetto. Da segnalare infine che il risparmio di 900 milioni di cui la Muraro parla è stato ottenuto grazie ad una vittoria in giudizio che non si è certo avvalsa della sua sola consulenza. In più, ha scritto il 30 luglio il Messaggero, “nella partecipata, viene fornita un’altra versione: «Ha partecipato a tre riunioni. Quella partita è stata vinta grazie a Fortini e Filippi»”. Ma continuiamo:

Da quello che Fortini afferma nell’intervista rilasciata al Corriere della Sera di oggi, Fortini si fa esplicitamente portavoce degli interessi e dei privilegi dei dirigenti in Ama. Del resto lo dice a chiare lettere: soprattutto le accuse approssimative mosse nei miei confronti, e la documentazione di cui parla provengono tutte da una singola parte: i vertici di Ama. Quei dirigenti, cioè – a eccezione di alcuni – che negli ultimi anni hanno percepito stipendi da capogiro fregandosene della città.

Dice davvero così Fortini nell’intervista al Corriere? Ovviamente no. Ecco il passaggio dell’intervista di Fortini sulla Muraro:

Pensa di pagare l’aver interrotto la consulenza in Ama alla Muraro?
«Io proposi alla Muraro di diventare dirigente. A gennaio bandimmo una selezione per un incarico temporaneo ma lei non partecipò. Così rinnovammo il mandato per sei mesi, fino al 30 giugno».
E da assessora è iniziato lo scontro, anche in diretta streaming…
«Ha cominciato a bombardare l’azienda, mettendo tutti sotto accusa, parlando di epurazioni e scatenando la reazione di molti dirigenti che mi hanno fatto un quadro sulle sue responsabilità soggettive abbastanza inquietante».
Perché inquietante?
«Non dico di più: c’è il segreto istruttorio».
Significa che ne ha riferito alla Procura?
«A domanda rispondo».

Ora, è evidente anche a una persona non molto sveglia che Fortini ha detto tutt’altro rispetto a quello che gli mette in bocca la Muraro e che non si sta facendo portavoce di alcunché. A prescindere dalla bontà delle accuse di Fortini, che qui non è in discussione, soltanto un esercizio di rara disonestà intellettuale potrebbe portare ad sintetizzare così scorrettamente l’intervista. Infine la Muraro inventa il “golpe dei rifiuti” a Roma:

La cittadinanza assume ora un ruolo cruciale e vincolante per la democrazia: sta ai romani, oltre alle speculazioni dei media e agli anatemi delle opposizioni, comprendere chi è la causa della fase di pre-emergenza che attraversa Roma, chi pur di fare in modo che nulla cambi sceglie di sacrificare la città pianificando un vero e proprio golpe dei rifiuti a pochi giorni dalla vittoria di Virginia Raggi.

Ora, a parte che di solito i golpe si pianificano nelle riunioni segrete (di recente ce n’è stata una, oltre a Fortini era presente anche la Muraro), l’AMA ha spiegato che in luglio, come tutti gli anni, il numero dei rifiuti in città aumenta così come a dicembre. Ora, se a luglio e a dicembre ogni anno l’AMA è in emergenza, dove starebbe il golpe oltre che nelle fantasie parolaie di chi vuole spararla grossa con l’obiettivo di buttarla in caciara? C’è un complotto due volte l’anno contro i 5 Stelle? Attenzione, però, perché è nel finale che si nasconde il capolavoro:

Credevano che avremmo subito passivamente i loro attacchi, ma adesso hanno a che fare con un’amministrazione che ha un solo intento: ripulire Roma, in tutti sensi. Siamo pronti a recarci in Procura per denunciare ogni più piccola negligenza di chi, sul piano politico e gestionale, ha amministrato AMA in questi anni.

Ecco quindi che la Muraro, dopo aver detto qualche giorno fa che anche lei aveva “i dossier”, oggi finalmente dice che è pronta ad andare in procura. Domanda: se ha dossier che testimoniano di fatti di rilevanza penale accaduti in AMA, e lei non lavora più in AMA dal 30 giugno 2016, perché aspetta il primo agosto per consegnarli in procura? È questa l’idea di legalità che ha l’assessora? Corrisponde a quella sempre propagandata a parole dai 5 Stelle? Infine, c’è da segnalare che dopo lo streaming trasmesso sul blog di Grillo, anche in questa occasione la Muraro utilizza il blog di Grillo per comunicazioni del genere. E c’è chi glielo fa anche notare:
paola muraro virginia raggi 1
Ma visto l’enormità del resto, questo è francamente il minimo.

Leggi sull’argomento: Paola Muraro, l’AMA e il silenzio di Virginia Raggi