Cultura e scienze

Lo show di Adriano Panzironi da Giletti sulla vitamina C come “prevenzione primaria” contro il Coronavirus

Incurante del fatto di essere stato rinviato a giudizio con l’accusa di esercizio abusivo della professione medica il giornalista (sospeso dall’Ordine) inventore del metodo Life 120 continua a dispensare consigli di salute. L’ultimo? Il metodo per «ridurre il rischio di una prognosi infausta di coronavirus» a base di vitamine C e D che la “medicina dogmatica” non vuole farci sapere

panzironi giletti coronavirus integratori - 6

Il fondatore del “metodo” Life 120 Adriano Panzironi è tornato ieri sera a Non è l’Arena. È la seconda volta che Panzironi è ospite del programma di Massimo Giletti e va detto: non ce n’era alcun bisogno. Come già con le famose partecipazioni del creatore della dieta che consente di vivere fino a 120Live di Barbara D’Urso anche in quest’occasione Panzironi ha saputo sfruttare l’opportunità di essere in televisione su una rete nazionale per raccontare “le sue verità”.

Ma davvero si può parlare di salute in questo modo in televisione?

Ma se il “guadagno” di Panzironi è evidente non si capisce quale sia il servizio informativo che trasmissioni del genere possano fare. Perché alla fine finisce tutto in caciara e il “processo” televisivo allestito contro Panzironi si risolve in un nulla di fatto. Quello che è certo è che Adriano Panzironi non è un medico, un dietologo o uno specialista di scienze dell’alimentazione ma un giornalista. Lui dice che si limita a “promuovere” uno stile di vita tramite un libro e un programma televisivo (Il Cerca Salute). La Procura di Roma accusa invece il giornalista di esercizio abusivo della professione medica. Secondo il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi, che ha fatto l’esposto-denuncia da cui è partito il caso: «non si può suggerire un regime alimentare senza conoscere una persona, senza averla visitata, senza conoscerne le patologie, senza aver preso visione delle sue analisi. Si possono consigliare alimenti che non sono compatibili con le sue condizioni di salute».

panzironi giletti coronavirus integratori - 2

Il processo andato in onda ieri sera avrebbe dovuto essere in qualche modo l’anticipazione di quello che inizierà in Tribunale. O quanto meno la sua controparte mediatica. In studio da Giletti ieri sera non c’erano avvocati o magistrati ma medici e giornalisti ch hanno provato a mettere alle strette Panzironi. Ma al solito non è possibile per lo spettatore che assiste al programma avere un verdetto o un giudizio netto nei confronti del “metodo” Life 120 o dell’operato di Panzironi.

panzironi giletti coronavirus integratori - 4

Per la semplice ragione Panzironi non sarà un medico ma di sicuro sa argomentare e parlare in televisione. Sa che bisogna interrompere l’interlocutore, sa che bisogna mettere in dubbio le competenze altrui per evitare che l’attenzione su quello che si dice. E quando un medico come Mario Falconi inizia a “smantellare” gli assunti pseudoscientifici della dieta miracolosa Panzironi sa cosa rispondere. Cose come «lei è rimasto fermo agli studi di quarant’anni fa» oppure «lei non conosce assolutamente nessuno studio scientifico sulla vitamina C» chiedendo di citare quegli studi scientifici. E badate bene, Panzironi quegli studi non li cita mica. Ma del resto non è un dibattito scientifico, è una rissa televisiva dove poco importano i fatti.

Panzironi e la vitamina C contro il coronavirus

Ma di tutto questo, ad esempio l’affermazione di aver fatto guarire un paziente affetto da diabete di tipo 1 (non si può purtroppo guarire dal diabete di tipo 1 che è una malattia autoimmune) fino ad arrivare alla promessa di far vivere 120 anni, abbiamo già parlato. La novità del momento è l’appello di Panzironi sul coronavirus. La settimana scorsa – dopo la scoperta dei casi di infezione da Covid-19 in Italia – il “guru” del Life 120 si è fatto intervistare da Video Lazio 24 per spiegare che per fare fronte all’infezione da coronavirus lo Stato dovrebbe «regalare integratori di vitamina D e vitamina C» spiegando che le persone a rischio oltre agli anziani sono coloro che «negli ultimi anni sono stati operati e quindi gli sono state asportate le adenoidi e le tonsille. Queste persone hanno un problema di alterazione del sistema immunitario che potrebbe essere pregiudizievole per il loro stato di salute».

panzironi giletti coronavirus integratori - 1

Il ricorso agli integratori secondo Panzironi serve a «ridurre il rischio di una prognosi infausta di questo virus». Il creatore del Life 120 sostiene che «pagheremo le conseguenze» dell’aver limitato la prescrizione di vitamina D. Il riferimento è alla Nota 96 dell’AIFA con la quale con cui l’Agenzia Italiana del Farmaco ha cambiato le regole per l’erogazione a carico del SSN dei farmaci a base di Vitamina D. Ma quello che l’AIFA ha fatto è raccomandare di rivolgersi ad un medico prima di assumere un integratore a base di vitamina D. Ma cosa sta dicendo Panzironi, che la vitamina C ha un qualche effetto contro il virus? Ovviamente no. O meglio, solo un orecchio poco attento potrebbe capire così. Ieri da Giletti ha precisato il senso delle sue parole: «abbiamo sentito in tutte le trasmissioni televisive virologi che ci dicono di lavarci le mani spesso, di stare a due metri, etc. Nessuno ha mai parlato di prevenzione primaria in questa patologia, è assurdo che i medici non parlino del rapporto tra il sistema immunitario e la vitamina C». Di nuovo: un attacco a quella che chiama “medicina dogmatica” ma dà non una spiegazione di quello che ha detto. Che la vitamina C faccia bene – nelle giuste dosi – è ovvio. Ma che rapporto c’è tra vitamina C e coronavirus? Curiosamente Panzironi non si addentra in una spiegazione. Nel video appello sostiene anche che «il coronavirus è un virus influenzale», che non è corretto perché non è un “virus influenzale” e semmai si deve parlare di una “sindrome simil-influenzale da coronavirus”. Basta questo per capire che Panzironi nella migliore delle ipotesi sta dicendo delle banalità (del tipo “le vitamine fanno bene”) e nella peggiore sta approfittando di un’emergenza sanitaria che poco o nulla ha a che fare con la dieta delle persone per far parlare di sé.

Leggi anche: La mappa di Giletti sul Coronavirus che mostra tutta l’Italia come zona rossa