Politica

Come l'Ospedale alla Fiera di Milano diventerà un poliambulatorio da 17 milioni di euro

neXt quotidiano|

ospedale fiera di milano

Il Fatto Quotidiano racconta oggi che la Regione Lombardia ha elaborato un complicato “piano di riserva” per l‘ospedale alla Fiera di Milano, ovvero la cattedrale nel deserto che giace inerme al Portello.

Con la nota G1.2020.0028782 del 6 agosto scorso – documento riservato che Il Fatto ha potuto visionare – la Direzione generale Welfare (cioè l’assessore Giulio Gallera) ha imposto al Policlinico di Milano di redigere un “progetto finalizzato a garantire l’erogazione di prestazioni specialistiche ambulatoriali presso il Padiglione Fiera Milano City”. Dovranno così trovare posto almeno nove ambulatori: dalla ginecologia, alla cardiologia, dall’urologia alla dermatologia. Tutto fuorché i decantati 221 letti di terapia intensiva (che poi sono meno, visto che per completare l’ultimo padiglione da 64 postazioni servono 7 milioni di euro, chiesti dal Pirellone al governo). Letti che alla fine costeranno 109 mila euro l’uno ma saranno messi da parte fino a un’eventuale nuova emergenza. La ratio, secondo Gallera, è offrire in Fiera le prestazioni congelate nei primi sei mesi dell’anno causa Covid, “caratterizzate – scrive – da tempi d’attesa particolarmente elevati”.

giulio gallera attilio fontana

Non è dato sapere perché il Policlinico, oggi operante non in condizioni di emergenza, con tutti i sanitari disponibili e le terapie intensive vuote, abbia bisogno di nuovi spazi. Di sicuro, però, per attivare il poliambulatorio serve forza lavoro, tanto che la nota del 6 agosto precisa: “Per la componente medica (…) sarà possibile chiedere l’urgente attivazione di nuovi contratti libero professionali con medici specialisti”.

Leggi anche: Come Solinas prova a scaricare sul governo la responsabilità dei contagi COVID-19 in Sardegna