Opinioni

Ora Feltri padre dice che Boldrini deve scusarsi con Feltri figlio

@dipocheparole|

vittorio feltri candidato sindaco milano

Fuori tempo massimo per risultare credibile visto che lo ha già fatto ieri il Manifesto oggi Libero pubblica l’articolo di Laura Boldrini rifiutato da Mattia Feltri;la storia ormai nota va avanti da giorni, il direttore dell’HuffPo aveva confermato di non aver pubblicato un articolo di Laura Boldrini dopo che la parlamentare aveva reso noto sui social l’episodio.  “Confermo quanto scritto oggi dall’onorevole Boldrini su Facebook: ieri ha mandato uno scritto per HuffPost che conteneva un apprezzamento spiacevole su mio padre Vittorio. Ritengo sia libera di pensare e di scrivere su mio padre quello che vuole, ovunque, persino in Parlamento, luogo pubblico per eccellenza, tranne che sul giornale che dirigo”. “L’ho chiamata e le ho chiesto la cortesia di omettere il riferimento. Al suo rifiuto e alla sua minaccia, qualora il pezzo fosse stato ritirato, di renderne pubbliche le ragioni, a maggior ragione ho deciso di non pubblicarlo. Al pari di ogni direttore, ho facoltà di decidere che cosa va sul mio giornale e che cosa no. Se questa facoltà viene chiamata censura, non ha più nessun senso avere giornali e direttori. Oltretutto l’onorevole Boldrini, come altri, su HuffPost cura il suo blog. Quindi è un’ospite. E gli ospiti, in casa d’altri, devono sapere come comportarsi”, conclude Mattia Feltri e poi aggiunge: “Ps. Ringrazio il presidente dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Verna, per avermi condannato senza nemmeno una telefonata per sentire la mia versione, quella di un iscritto”. Ieri, come dicevamo il Manifesto ha pubblicato quanto scritto dalla Boldrini. E il passaggio relativo a Vittoro Feltri è risultato solo questo:

Si chiama victim blaming. Ed è parte, grande, del problema, rispetto a cui il ruolo dell’informazione è centrale. E mi riferisco polemicamente a quei giornali che fanno di misoginia e sessismo la propria cifra. Cosa dire del resto dell’intervento di Feltri su Libero, in cui si attribuiva la responsabilità dello stupro non all’imprenditore Genovese ma alla ragazza diciottenne vittima?

Oggi, come dicevamo fuori tempo massimo, Libero replica la pubblicazione. Probabilmente solo per permettere a Vittorio Feltri di polemizzare ancora e chiedere le scuse a Laura Boldrini per il figlio Mattia oltre a ipotizzare il motivo per cui si è rifiutato di ospitarlo sull’HuffPo:

Evidentemente Boldrini, che siamo convinti non soffra di analfabetismo funzionale, non ha letto l’articolo che contesta, altrimenti non lo avrebbe confutato. Se fosse una persona seria dovrebbe scusarsi con mio figlio e con me per aver preso lucciole per lanterne. Mattia non hamessoin circolo l’intervento della donna politica non soltanto per gentilezza filiale nei miei riguardi, bensì – suppongo – pure per un altro motivo: madame ha vergato una idiozia. Io comunque non mi offendo se qualcuno a sproposito mi attacca, anzi ne sonofelice poiché ciò dimostra che ho ragione. Ecco perché Libero offre alla signora la possibilità di manifestare le sue stupidaggini sulle proprie pagine.

Chissà se ora Feltri figlio scriverà due righe per dire a Feltri padre di restarne fuori.

Leggi anche: Cosa ha scritto Laura Boldrini su Vittorio Feltri