Economia

Il nuovo San Siro di Inter e Milan

nuovo san siro inter milan

Ieri è stato ufficialmente avviato l’iter per il nuovo «Stadio di Milano» con il deposito in Comune delle 750 pagine del “Progetto di Fattibilità Tecnico Economica”. Il Progetto di Fattibilità più in generale prevede l’edificazione di un impianto da 60/65mila posti a sedere e di un distretto multifunzionale nell’area contigua a quella dell’attuale stadio dedicato a sport, shopping e divertimento, che rappresenti un luogo di aggregazione in grado di accogliere tifosi e turisti 365 giorni all’anno, dando occupazione a oltre 3.500 persone. Spiega oggi Il Sole 24 Ore:

Le due società stimano investimenti per oltre 1,2 miliardi ( 55% per lo stadio e 45 per il distretto per il quale dovrebbe essere costituito un veicolo ad hoc e potrebbero essere coinvolti altri soci), con 80 milioni riservati alle infrastrutture urbanistiche. Per i finanziamenti si potrebbe anche pensare a “cartolarizzare” i flussi di ricavi dell’impianto ovvero a cedere a un’azienda europea i naming rights. Operazione da cui con il nuovo San Siro si potrebbe ottenere un assegno annuo superiore ai 5 milioni. Al netto delle problematiche giuridiche da definire con il Comune. La proprietà infatti resterà a Palazzo Marino con la concessione di un diritto di superficie a 90 anni (sul modello Udinese).

nuovo san siro inter milan
Il nuovo San Siro di Inter e Milan (Il Sole 24 Ore, 11 luglio 2019)

Quanto ai tempi, il Comune avrà ora 90 giorni per decretare la sussistenza di un interesse pubblico sull’opera. Solo allora i club procederanno a redigere un “Progetto definitivo” e in quest’ottica avvieranno una selezione che coinvolgerà studi di architettura internazionale. La legge sugli stadi, dentro il cui solco i club intendono muoversi, stabilisce un percorso accelerato con il coinvolgimento degli enti locali in una Conferenza dei servizi la cui delibera potrà surrogare la variante urbanistica necessaria ad esempio per i cambi di volumetrie implicati dal progetto.

Milan e Inter perciò auspicano che l’iter si chiuda entro 18 mesi, in modo da poter concludere il cantiere nei successivi 36, con il debutto nel nuovo stadio nella stagione 2024/25 (ricevute le necessarie autorizzazioni per la fase due dell’area entertainment si profilano altri 36 mesi).

In questo modo si potrebbe abbattere San Siro e offrire a Milano un impianto all’avanguardia in un cui inaugurare i Giochi del 2026.

Leggi anche: Saldatori, ingegneri, elettrotecnici: i lavoratori che non si trovano in Italia