Fatti

L'aggressione dei no vax alla dottoressa che aveva provato a farli ragionare

@neXt quotidiano|

green pass circo massimo dottoressa aggressione no vax

Picchiata perché, da dottoressa, aveva provato a spiegare ai no vax le sue perplessità verso lo scetticismo nei confronti della campagna vaccinale. È successo ieri a Roma sulla banchina nella metro San Paolo in direzione Laurentina, intorno alle 19.30. I manifestanti stavano rientrando dopo l’ennesimo sabato di proteste in piazza, che al Circo Massimo aveva visto anche la presenza di Enrico Montesano e Sara Cunial, quando una donna – appartenente al gruppo degli antiscientifici che ora se la prende col Green Pass – ha tirato una testata a una dottoressa.

L’episodio è avvenuto davanti a tantissimi altri passeggeri che aspettavano il treno, e alcuni testimoni hanno immediatamente chiamato il 112. Quando la polizia è intervenuta, ha trovato la vittima distesa, quasi svenuta per il dolore. Soccorsa da un’ambulanza e trasportata urgentemente all’ospedale Cto della Garbatella, non sarebbe in gravi condizioni. Gli inquirenti adesso sono a caccia del gruppetto di cui faceva parte la donna violenta, che è riuscita a far perdere le proprie tracce. Gli agenti del commissariato Colombo hanno preso le immagini delle telecamere Atac per risalire al colpevole.

Dopo gli scontri avvenuti due settimane fa che hanno visto l’assalto alla Cgil e le minacce ai giornalisti in piazza, sembra che la violenza sia uno dei principali argomenti di chi protesta in piazza. Ieri al Circo Massimo erano stati autorizzati due sit-in: prima i No vax e No pass, poi nel pomeriggio un sit-in organizzato da un piccolo gruppo di Liberi cittadini. Nella prima, più importante a cui hanno aderito circa 700 persone, c’erano anche alcuni esponenti di Forza Nuova. In entrambi i casi si sono alzati fischi contro il presidente del Consiglio Mario Draghi e la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, ma questa volta non ci sono stati cortei: i manifestanti sono rimasti statici e nel tardo pomeriggio hanno lasciato la piazza.