Fact checking

Nel M5S parte la caccia a Di Maio (per colpa di Marra e della Raggi)

luigi di maio virginia raggi

Nel MoVimento 5 Stelle è partita la caccia al cinghialone. Dopo l’arresto di Raffaele Marra e l’autocritica di Virginia Raggi i parlamentari nazionali, già piuttosto arrabbiati per aver dovuto rimandare il flash mob su MPS a Siena, hanno cominciato a marcare le distanze dalla sindaca di Roma e a criticare chi, nel MoVimento, l’ha sempre appoggiata e difesa. E tra questi non può non venire in mente il nome di Luigi Di Maio, che ci aveva messo la faccia all’epoca del primo caso Muraro e adesso è sulla graticola.

Nel M5S parte la caccia a Di Maio

Così, per una Roberta Lombardi che aveva sempre criticato Marra ed altri personaggi vicini alla sindaca e oggi può giustamente darsi ragione, spuntano tanti che non avevano aperto bocca sul tema nei mesi precedenti ma che oggi hanno scoperto il caso:  “Marra lo dice a qualcun altro“, risponde ad esempio il senatore del M5S Nicola Morra al giornalista, che, vittima di un lapsus, lo interpella con il cognome del funzionario. E fin qui ci può stare. Di Michele Dell’Orco non si ricordano molte dichiarazioni critiche sul tema, e infatti oggi chiede di ringraziare la Lombardi ma anche Carla Ruocco, che però era stata accusata più o meno velatamente sul Fatto Quotidiano di aver girato la mail a Di Maio ai giornali.
michele dellorco
Paola Taverna, altra “indiziata” all’epoca (smentì furiosamente), oggi invece è stranamente silente (ma condivide lo status di Roberta Lombardi). Parla però Giuseppe Brescia che maliziosamente si chiede dove sia adesso «chi, all’interno del MoVimento, nei mesi scorsi ha difeso questa linea scellerata»; ovvero chi «dovrebbe smetterla di giocare al “piccolo stratega” perché evidentemente non ne è in grado e arreca solo danni al M5S». Ce l’ha con Grillo? No, perché lo esclude subito dopo. E allora, per esclusione, non si può non pensare a Luigi Di Maio.
giuseppe brescia
Ma c’è di più. Perché Carlo Sibilia rilascia (addirittura!) un’intervista (addirittura!!) a Repubblica (addirittura!!!) per dire che «Si poteva agire diversamente, c’erano state le avvisaglie di quel che è accaduto oggi. Per questo è il momento di ringraziare i colleghi che ci avevano avvertito e Beppe Grillo, che ha dimostrato ancora una volta di averci visto lungo. Aveva chiesto a Virginia di fare a meno di Marra, ma non è stato ascoltato. È il momento che qualcuno si prenda delle responsabilità politiche perché il Movimento non vada a sbattere su questa storia». Ma quando Annalisa Cuzzocrea gli chiede con chi ce l’abbia Sibilia dimentica che una delle caratteristiche fondanti del M5S è la trasparenza: «Non faccio nomi, ma parlo di chi ha sostenuto per mesi: ‘Vediamo vediamo’, e abbiamo visto cos’è successo. Paola Muraro è stata indagata, Raffaele Marra è stato arrestato». In ogni caso si riesce a intuire che chi voleva tergiversare invece di agire sul caso Muraro era sempre Luigi Di Maio.

Dalla Sicilia con furore

Poi c’è Riccardo Nuti, che ha appena risposto con una teoria del complotto piuttosto azzardata alle accuse contro di lui sulle firme false, ma su Facebook approfitta del caso Marra per togliersi molti sassolini dalle scarpe:
riccardo nuti

In questi mesi molti all’interno del M5S, sembra anche Beppe, ne avevano chiesto l’allontanamento (e non lo spostamento in ruoli comunque importanti) mentre altri ne hanno sempre difeso le scelte sia pubblicamente che con gravi silenzi, anche contro chi denunciava situazioni inaccettabili che nulla avevano a che fare con il movimento.
Si è arrivati anche a leggere un’intervista di costui che diceva di aver chiesto, negli anni passati, una raccomandazione per entrare nei servizi segreti. Cose assurde e inaccettabili. A chi chiede quindi conto di questa situazione dico: sappiate che molti all’interno del M5S l’hanno combattuta e denunciata, altri invece l’hanno difesa. Questa gestione pessima, che potremmo definire “la polvere sotto il tappeto”, ha dei responsabili e una filosofia che è legata alla perversa logica del non poter far fare figuracce a qualcuno (mentre altri, meno in vista, potevano e possono essere liberamente e ingiustamente sacrificati), alla logica del fidarsi sempre di pochi amiconi disposti a tutto, e del consenso elettorale a tutti i costi.

Chi ha “difeso la situazione” della sindaca? Ma Di Maio, che domande. Lo ha fatto perché si usa la logica del “non far fare figuracce a qualcuno” (la Raggi) “mentre i meno in vista potevano essere sacrificati”, e qui è evidente il cenno autobiografico perché lui, Giulia Di Vita e Claudia Mannino sono stati sacrificati, pardon, sospesi. Nuti parla in codice ma i suoi obiettivi sono ben chiari. Così come sono chiari quelli di Giulia Di Vita, altra sospesa, che però se la prende soprattutto con la Raggi:
giulia di vita
E Dalila Nesci? L’ex fidanzata di Nuti ne ha anche per tutti: «L’arresto di Marra per corruzione non ha solo risvolti penali e giudiziari. Sono mortificata perché, all’interno del M5S (non certo io o Beppe Grillo), c’è chi ha tenuto la linea che oggi ha portato a questo epilogo. Mettiamo da parte atteggiamenti e forzature che nulla hanno a che fare con la rivoluzione culturale che stiamo portando avanti». E infine arriva anche a chiedere provvedimenti “al garante”, anche se adesso c’è il collegio dei probiviri: «Spero che il garante prenderà provvedimenti interni ed esterni. E’ l’ultima possibilità che abbiamo per riprendere la rotta. Abbiamo tutte le carte in regola per farlo, ripartendo dalla trasparenza e dalla condivisione».
dalila nesci
L’arresto di Marra ha fatto scoppiare un bubbone di grosse dimensioni nel M5S. Non a caso Roberto Fico e Alessandro Di Battista non hanno ancora parlato. E Di Maio? Ha utilizzato la solita tecnica dello starsene acquattato e su Facebook oggi ha soltanto condivido il post di Beppe Grillo sul programma e sull’energia, invitando gli iscritti a votare.
luigi di maio
La notte dei lunghi coltelli non è ancora partita.