Opinioni

Miracolo all'ATAC! Ritrovano la salute dopo la visita!

atac guasti

Miscredenti che non siete altro, adesso ai miracoli ci credete o no? Il Messaggero fa sapere oggi che l’80% (diconsi l’ottantapercento, siòre et siòri) dei dipendenti che per anni avevano evitato turni alla guida e in officina grazie al certificato di inidoneità sono risultati perfettamente in salute dopo una visita medica pretesa dall’azienda all’epoca di Marco Rettighieri, il direttore generale poi dimessosi nelle settimane scorse. Un miracolo vero e proprio, che ha coinvolto 160 tra gli oltre 11mila dipendenti a cui era impedito il lavoro come conducenti e operai delle officine, e che l’azienda aveva ricollocato dietro una scrivania. Fino a quando, i vertici di Atac hanno deciso di avviare una serie di controlli straordinari. Alle visite mediche si sono sottoposti oltre cento dipendenti con «inidoneità temporanee». E l’80% è risultato in perfetta forma, tanto da tornare subito in cabina o in officina.
atac guasti

Mettendo in campo sia i medici aziendali sia quelli del Cispi e ricorrendo a tutti gli strumenti previsti dal decreto ministeriale 88/1999, quello che prevede l’«accertamento dell’idoneità fisica e psicoattitudinale del personale addetto ai pubblici servizi di trasporto». Alle visite mediche si sono sottoposti oltre cento dipendenti con «inidoneità temporanee». E l’80% è risultato in perfetta forma, tanto da tornare subito in cabina o in officina. Anche tra i cosiddetti «inidonei definitivi», in molti hanno scoperto, dopo la visita, di avere goduto di un miglioramento improvviso. Tanto da dover firmare con l’azienda un accordo transattivo per cambiare la qualifica: da «autista inidoneo» ad ausiliario del traffico, lasciando l’amata scrivania.

Un colpo di scena non da poco, che insieme alla scoperta dei concorsi truccati da parte dei sindacalisti, al curioso caso dei guasti riparati due volte e alla stretta sui permessi sindacali può dare l’esatta dimensione di quanto fosse amato Rettighieri, che per fortuna (di chi?) ha nel frattempo rassegnato le dimissioni denunciando un’ingerenza dell’assessora Linda Meleo per lo spostamento di un dipendente che è anche attivista grillino e cugino di un’assessora M5S. Un’ingerenza sulla quale la Meleo non ha ancora dato una risposta pubblica, in piena linea con la filosofia della trasparenza quanno ce pare della giunta Raggi. Nel frattempo per la storia dei lavoratori miracolati indagherà la procura per truffa all’INPS. Miscredenti che non sono altro.
EDIT: Nel frattempo Giancarlo Cancelleri, che evidentemente nulla sa della storia e nemmeno ha letto l’articolo, scambia la vicenda per un merito della sindaca Raggi:

Leggi sull’argomento: Linda Meleo deve ancora spiegare la storia di Federico Chiovelli