Opinioni

L’ispettore Meluzzi scopre che le accuse a Bannon fanno parte del fuoco di sbarramento Dem Sadopedofilo contro Trump

Ieri l’ispettore Alessandro Meluzzi ha risolto il caso Steve Bannon, arrestato per frode e riciclaggio perché avrebbe usato i fondi per il muro da costruire al confine con il Messico per le sue spese personali. Secondo il popolarissimo indagatore dell’incubo “le accuse a Bannon fanno parte del fuoco di sbarramento Dem Deep State sadopedofilo contro Trump e i popoli sovrani! Ne prepareranno altre da veri luciferiani quali sono! Ma forse non basterà se Maria Vergine e Madre protegge il suo popolo!”.

alessandro meluzzi steve bannon

Con la lucidità che gli è propria, quindi, l’ispettore Meluzzi ha sorvolato sul fatto che sia Matteo Salvini che Giorgia Meloni, i quali fino all’altroieri facevano a gara per scattarsi foto con l’ideologo dell’alt-right, sono silenti da ieri sulla vicenda. In compenso ieri ha parlato proprio Trump: “E’ una cosa molto triste per Mr. Bannon”, ma non ho mai approvato la sua iniziativa e non lo sentivo da molto tempo”, ha detto ai giornalisti il presidente, distanziandosi dal suo ex consigliere . Questo progetto, ha affermato, “non mi piaceva. Serviva per mettersi in mostra, forse raccogliere denaro”. “Penso sia una cosa molto triste per mr. Bannon. Penso sia sorprendente”, ha rimarcato Trump. Secondo il presidente il progetto di Bannon era “inappropriato”, perché la costruzione del muro spetta al governo. “Non voglio essere associato con questa cosa… non voglio avere un muro che sarebbe di un tipo inferiore”, ha aggiunto. Insomma, Salvini e Meloni muti come pesci mentre TheDonald lo scarica. Ma per fortuna Steve ha un amico:

Leggi anche: Steve Bannon arrestato per frode