Opinioni

Giorgia Meloni dice che lei non ha a che fare con i gruppi del Circo Massimo (a parte Carabella candidato con FdI)

Giorgia Meloni in un colloquio con La Stampa oggi dice che Fratelli d’Italia e il centrodestra non c’entrano niente con gli ultras e Forza Nuova in piazza al Circo Massimo e con gli scontri. Poi però li difende:

Ieri al Circo Massimo, alla manifestazione organizzata da Ultras, neofascisti e Forza nuova, si sono verificati scontri e tensioni con polizia e giornalisti. Il 4 luglio nello stesso luogo voi volete portare migliaia di persone. Riuscirete a tenere alla larga i più agitati?
«Noi non abbiamo a che fare con questi gruppi, lontani da noi assolutamente. Vedo però un tentativo di criminalizzare l’opposizione che scende in piazza, come è successo il 2 giugno. Il tentativo di accostare noi ad altri è strumentale. Quando i centri sociali mettono a ferro e fuoco le piazze nessuno chiede conto al Pd, eppure il Pd ha rapporti con quel mondo. A noi invece si chiede sempre di rispondere di tutto, anche di cose con le quali non abbiamo nulla a che fare. Io rivendico il mio diritto a dissentire dal governo Conte nel rispetto delle regole. Il gioco di criminalizzare chi dissente è un modo per trasformare le mascherine in bavaglio. Io sono preoccupata per questa deriva liberticida».

E in effetti è vero che Meloni non c’entra nulla con quelli in piazza al Circo Massimo, a parte che Simone Carabella, aggredito da Giuliano Castellino con uno schiaffo durante la manifestazione, era candidato con Fratelli d’Italia alle Regionali nel Lazio:

simone carabella fratelli d'italia

Leggi anche: Simone Carabella: dai no-vax a Fratelli d’Italia (passando per la “rivoluzione” di Pappalardo)