La macchina del funky

Matteo Renzi scarica Maurizio Lupi?

grillini civati

Maria Teresa Meli, sempre molto informata sulle mosse di Matteo Renzi, scrive oggi sul Corriere della Sera che il premier potrebbe scaricare Maurizio Lupi attraverso la mozione di sfiducia proposta da SEL e MoVimento 5 Stelle, ovvero nel modo più doloroso. E cioè votando o appoggiando in qualche modo proprio la mozione di sfiducia, che costringerebbe il ministro alle dimissioni nella maniera più dolorosa. Scrive il Corriere:

Il presidente del Consiglio ha capito che tocca a lui condurre il gioco e che l’unica è continuare ad adottare il comportamento a cui si è attenuto finora. Ossia, mantenere un rigoroso silenzio. «Magari a Lupi — ha spiegato Renzi ai collaboratori — ci vuole del tempo per pensare e per decidere, quindi diamoglielo». Insomma,la linea del premier resta la stessa dell’altro ieri: «Decida il ministro di fare un passo indietro». Ma con una novità. Di non poco conto rispetto alla mozione di sfiducia che verrà votata alla Camera la settimana prossima. Già, perché né Renzi né il Partito democratico intendono accettare supinamente le decisioni di Lupi nel caso in cui questi decida di non dimettersi e di andare avanti come se null afosse, anche se dalle carte della Procura di Firenze continuano a emergere nuovi particolari che riguardano lui e la sua famiglia. Del resto, non è un caso se Renzi in un ministero importante come quello delle Infrastrutture non abbia messo come sottosegretario nemmeno un suo uomo.
Perché metterlo se non era riuscito a smantellarne la struttura ereditata dal precedente governo e dagli altri esecutivi? Comunque in questa fase così delicata a Renzi non resta che tacere, almeno pubblicamente, per riservare l’onore delle armi al ministro delle Infrastrutture nel caso in cui, dopo l’informativa che darà al Senato domani, decidesse di dimettersi. O, ed è questa la vera speranza del premier, se facesse il passo indietro ancora prima viste le pressioni. È chiaro che una critica, ma anche solo una parola di troppo da parte del premier potrebbero irrigidire ulteriormente Lupi e rafforzarlo nella sua volontà di restare nel suo dicastero, complicando ulteriormente le cose, perciò Renzi tace.

maurizio lupi dimissioni renzi
Tace, ma non acconsente. E prepara la mossa successiva:

Ma il silenzio di Renzi non deve essere scambiato per assenso. Se Lupi non dovesse dimettersi entro questa settimana la parola passerebbe all’aula di Montecitorio, lì dove si discuterà la mozione di sfiducia individuale nei suoi confronti. A quel punto — è il messaggio che è stato fatto arrivare al diretto interessato — non è affatto detto che il Pd si schiererà a difesa del ministro delle Infrastrutture. Perché, per dirla alla Matteo Orfini,«i punti da chiarire sono sempre di più». E, come spiega un renziano di rango, «i deputati del Partito democratico nonsono dei soldatini disposti a votare per salvare Lupi».Insomma, per farla breve, se il ministro del Nuovo centrodestra non dovesse mollare la presa, potrebbe essere lo stesso premier a fargliela mollare: «Se si arriva in Aula con la mozione non è detto che ti copriamo e ti difendiamo». È una minaccia, anche se è ovvio che Renzi per primo non vuole arrivare a uno showdown alla Camera. Piuttosto vorrebbe mantenere il rapporto di collaborazione tenuto finora con il Nuovo centrodestra, affidando il ministero degli Affari regionali a Gaetano Quagliariello e prendendo provvisoriamente l’interim del ministero delle Infrastrutture, per avere la possibilità di fare un repulisti in quel dicastero.

Leggi sull’argomento: I biglietti, i vestiti, gli orologi, i regali e le cene per Maurizio Lupi