Opinioni

Matteo Renzi e gli sms a Rossella Fiamingo

“Adesso mi sembra un oro perso, pero’ domani diro’ che e’ un argento vinto. Perché fino a ieri avrei messo la firma su un secondo posto”. Questa la reazione di Rossella Fiamingo dopo la sconfitta nella finale della spada individuale ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. “Conoscevo bene la mia avversaria, l’ungherese Szasz, e fino a ieri l’avevo sempre battuta, quindi mi dispiace molto. Ero in vantaggio, mi sono fatta prendere troppo dalla fretta ed e’ andata cosi. Se ho pensato di aver già vinto? No, mai. Ho solo avuto poca pazienza, mi sono fatta prendere un po’ dal panico e regalato qualche stoccata. Vincere due ori mondiali e’ stato bellissimo ma l’Olimpiade e’ una cosa che rimane nella storia: sarebbe stato il massimo vincere oggi”. La Fiamingo ha poi rivelato di aver ricevuto messaggi dal premier Matteo Renzi per tutta la giornata: “Da stamattina mi ha scritto e incitato, ‘Forza mitica’. A un certo punto non li ho guardati piu’ perche’ mi mettevano ansia. Lui ci credeva da subito, io no, ma alla fine siamo entrambi soddisfatti”. Per festeggiare la siciliana potrebbe la promessa fatta in caso di conquista dell’oro: “Avevo detto che mi sarei tagliata i capelli, forse lo faccio uguale. E magari me li tingo di rosa”. Ma la parte più divertente della storia sono gli sms di incoraggiamento firmati Matteo Renzi:

«Qui in Brasile ho vinto la prima gara nella coppa del Mondo del 2012». Ora è difficile tenere a bada un frullato di sensazioni che prova a spiegare così: «A ogni assalto avevo voglia di piangere dalla felicità, ma invece cercavo di restare concentrata, di pensare subito alla sfida successiva». Perché «i Mondiali sono importanti, ma l’Olimpiade è l’Olimpiade». La ragazza catanese racconta anche di quegli sms di incoraggiamento continui di Matteo Renzi: «Mi ha seguito per tutta la giornata, era un continuo di messaggi perché lui ci aveva creduto sin dall’inizio. Solo alla fine ho smesso di leggerli perché rischiavo di essere presa dall’ansia».

fiamingo renzi