Attualità

Mario Giordano e lo show sulla bufala della Polizia a casa per le feste private

Mario Giordano insiste: ormai è chiaro che la polizia non controllerà mai quanti invitati ci sono nelle case degli italiani. Ma lui continua a dire che “ci minacciano”. Non ha capito davvero o fa finta?

mario giordano bufala polizia feste private

“Fermati, Donato fermati! Non ti hanno detto niente non si possono fare le feste, non si invita più nessuno non più di sei persone”: Mario Giordano a Fuori dal Coro ha intavolato uno show su una bufala ormai scaduta da un bel po’: quella dei controlli che la polizia effettuerebbe nelle case per evitare che a feste e cene ci siano più di sei invitati. Ieri Salvini ci ha fatto la giornata anche quando ormai Conte l’aveva per l’ennesima volta smentita. Non ce ne era bisogno visto che nel DPCM c’è solo una raccomandazione a evitare di raggruppare troppe persone nelle case. Ma Giordano fa finta di non saperlo: “Noi siamo per rispettare le regole sempre. Le regole si rispettano. Ma quando le regole ti dicono cosa devi fare tu a casa tua, quando addiritttura ti minacciano di mandarti la polizia a casa a controllare cosa fai…”. Giordano tira la torta in faccia “a quelli che parlano così”.

Le regole comunque dicevano cosa fare a casa propria già da prima dell’emergenza Coronavirus e del DPCM: non risulta che nelle case private sia in vigore un sistema di leggi alternativo per cui sia possibile commettere crimini. Mario Giordano può stare tranquillo.

Leggi anche: Il bollettino sul Coronavirus in Italia oggi 13 ottobre: i dati della Protezione Civile