Attualità

Il MoVimento 5 Stelle a Vicenza non corre per il sindaco (per favorire la Lega?)

C’era una volta il MoVimento 5 Stelle a Vicenza. O meglio, c’era sicuramente fino a cinque giorni fa il MoVimento 5 Stelle a Vicenza, dove si vota per il sindaco nelle amministrative di giugno. Ma ieri l’ex IDV Francesco Di Bartolo, che aveva cominciato la campagna elettorale da un mese da candidato sindaco, e gli attivisti, hanno scoperto che non sono in corsa con il simbolo del M5S perché tra le liste ammesse in tutta Italia la loro non c’è. Spiegazioni? Come sempre, in nome della trasparenza, nessuna.

Il MoVimento 5 Stelle a Vicenza non corre per il sindaco (per favorire la Lega?)

La notizia deve essere stata talmente shockante che a Vicenza non si sono ancora ripresi, visto che nelle pagine Facebook del MoVimento e del sindaco nessuno ha ancora fatto sapere nulla agli elettori. Ma c’è di più. Perché l’ultimo post pubblicato attaccava la Lega Nord e il suo candidato Roberto Ciambetti ma il ritiro del candidato grillino finirà per favorire proprio la Lega Nord. Che parte per riconquistare il comune dopo dieci anni di amministrazione del Partito Democratico e sulla scorta di un 41% preso dal centrodestra unito alle elezioni del 4 marzo.

movimento 5 stelle vicenza

Una desistenza a 5 Stelle nei giorni della formazione del governo Lega-M5S? L’ipotesi sembra un po’ peregrina, se non altro perché il governo non si è ancora formato e la decisione è stata presa proprio nei giorni in cui sono cominciate le trattative con il Carroccio. Eppure sembrano pensarla così proprio gli attivisti locali, che nelle dichiarazioni rilasciate ai giornali adombrano la possibilità di un complotto ai loro danni in quanto troppo “di sinistra”.

Leggi sull’argomento: La guerra preventiva di Mattarella al governo Lega-M5S