La macchina del funky

M5S contro M5S per i Mercati Generali dell'Ostiense

All’VIII Municipio si scontrano i grillini del sì e i grillini del no. Un parere dell’Avvocatura in mano alla Raggi parla di una causa da 111 milioni

ex mercati generali papere germani berdini m5s

Anche la storia degli ex Mercati Generali dell’Ostiense rischia di scoppiare, come lo stadio, in mano ai 5 Stelle romani. Ieri è infatti andata in scena un’assemblea convocata da alcuni consiglieri municipali e presentata sul palco da Chiara Pascolini, presidente della commissione Urbanistica, al Caffè Letterario, proprio a pochi metri dal cratere del cantiere infinito. Racconta Repubblica Roma:

La parola d’ordine? Si chiama percorso partecipato. Ovvero una vera e propria consultazione popolare per decidere come cambiare il progetto della Città dei Giovani, vecchio ormai di 14 anni, passato per due varianti e che adesso aspetta solo l’ultima delibera del Campidoglio. «Non vogliamo bloccare tutto» afferma la Pascolini «ma serve un tavolo con i costruttori per modificare molte cose». Insomma, ancora una volta il nodo da scio
gliere per la sindaca è complicato.
Anche perché i 5 Stelle del municipio VIII sono spaccati. E il presidente Paolo Pace, che vorrebbe far approvare il progetto così com’è, con poche modifiche, è assediato dai contestatori, chehanno simbolicamente occupato i suoi uffici. Le loro idee? Ieri sono scesi in campo, guidati anche dal consigliere Marco Salietti e dagli ingegneri Tisi («vorrei un centro polivalente con spazi per artigiani») e Calderetti, per attaccare ad alzo zero la Città dei Giovani

ex mercati generali papere germani berdini m5s
L’area degli ex Mercati Generali nel quartiere Ostiense

Ma c’è un problemino molto simile a quello dello stadio della Roma. Sul tavolo della sindaca Virginia Raggi è arrivato un rapporto dell’avvocatura, dieci pagine in cui si quantificano i danni che i costruttori concessionari, i Toti, e i subconcessionari del potente gruppo francese De Balkany potrebbero chiedere in caso di blocco del project financing oppure di uno stravolgimento del piano della Città dei Giovani che obbligasse a tornare alla conferenza dei servizi. Si tratterebbe di 111 milioni di euro e di altre decine di milioni di «mancati guadagni».

Leggi sull’argomento: Il MoVimento 5 Stelle si schiera in difesa di papere e germani degli ex Mercati Generali