Politica

La lite nel M5S per la legge sui vaccini nel Lazio

davide barillari sciopero acquisti - 3

La legge sui vaccini presentata dal MoVimento 5 Stelle del Lazio a via della Pisana sta portando vistose crepe all’interno dei grillini. Il Messaggero racconta oggi in un articolo a firma di Mauro Evangelista che la ministra della Salute Giulia Grillo non ha preso benissimo l’invasione di campo mentre anche all’interno del gruppo grillino in Regione Lazio c’è stato chi si è dissociato e infatti non ha firmato la proposta partorita dal genio medico e politico del consigliere Davide Barillari e controfirmata da Roberta Lombardi, Francesca De Vito, Devid Porrello ed altri.

Non è uno scherzo, non è una fake news, è il campanello d’allarme su una impostazione no-vax, che ha persino suscitato irritazione al ministero della Salute, che è pure governato dal MoVimento 5 Stelle. Quella non è di certo la linea della ministra Giulia Grillo, trapela dal ministero.

Di più: la proposta di legge è stata scritta in collaborazione con alcune associazioni no-vax, è stata firmata oltre che dal suo propositore, Davide Barillari, che non ha mai nascosto la sua linea contraria all’obbligarietà dei vaccini (per usare una formula edulcorata), ma perfino da Roberta Lombardi (già candidata alla presidenza della Regione) e da consiglieri considerati di buon senso come Devid Porrello.

barillari m5s vaccini lazio esami prevaccinali - 1

Qualcuno ammette che ha firmato senza leggere il testo, giusto per evitare tensioni con Barillari, ma nel gruppo c’è chi invece ha detto no. La firma di Gaia Pernarella, consigliera regionale grillina al secondo mandato, non c’è. Spiega: “Questa non è una competenza della regione, c’è un ministero della Salute che sta affrontando il tema. Poi ci sono alcune parti tecniche che non mi convincono, a partire dal tema della quarantena per i bambini vaccinati”.

Tra i firmatari manca anche Valentina Corrado.

Leggi sull’argomento: Così il M5S Lazio è diventato free-vax