Fact checking

Il M5S ha trovato l’accordo sullo Sbloccacantieri: si fa come dice Salvini

Il MEF dà il nulla osta all’emendamento leghista che sospende per due anni alcuni punti rilevanti del codice degli appalti. Festeggia Salvini che così mantiene le promesse. Il M5S farfuglia qualcosa sul fatto che l’accordo raggiunto non prevede affatto quello che dice il leader della Lega, ma intanto la discussione sul testo arriverà in Aula al Senato domani

di maio salvini telefonata giugno - 4

Ieri a Radio Anch’io il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli ha detto che l’emendamento della Lega al DL Sbloccacantieri è una stupidagine. «L’emendamento presentato dalla Lega, che sospende per 2 anni il codice degli appalti, non sta in piedi e butta a mare mesi e mesi di lavoro. Questo emendamento è una follia, è contestato da tutti e fa dubitare che sia solo un pretesto per creare caos e aprire una crisi», commentava il ministro. Ed è per questo che oggi la notizia è che quell’emendamento “stupidaggine” sarà discusso domani al Senato.

Matteo Salvini ha vinto la battaglia dello sblocca cantieri

A ufficializzare che l’emendamento della Lega che sospende alcune parti del Codice degli Appalti andrà in Aula è il l viceministro dell’economia Massimo Garavaglia oggi in commissione Bilancio al Senato ha fatto sapere che c’è in nulla osta del MEF. «Sull’emendamento 1.7, essendo ordinamentale, c’è il nulla osta, quindi va per l’aula. Ove mai ci fosse una riformulazione», anche questa dovrebbe essere di carattere ordinamentale, ha detto Garavaglia.

emendamento sblocca cantieri - 1

 

Gongola Matteo Salvini. A meno di ventiquattr’ore dalle dichiarazioni del concentratissimo Toninelli il vicepremier si prende la sua soddisfazione. Qualche ora fa su Facebook era tornato a parlare della necessità di “appalti più semplici e veloci” dicendosi “fiducioso in un accordo positivo già oggi”.  A margine di un comizio a Ferrara parlando con i giornalisti Salvini ha annunciato trionfante: «ci stavamo lavorando da ieri notte, tra persone di buon senso l’accordo si trova, a me come Lega interessava che i cantieri venissero sbloccati e si tagliasse la burocrazia, che tornare a sistemare una scuola, una strada, una casa di riposo fosse semplice. Il codice degli appalti inventato dalla sinistra bloccava tutto e tutti. Se l’accordo c’è si va avanti».

Come la Lega ha alzato la sospensione del Codice degli Appalti in faccia a Toninelli

Toninelli è rimasto con il cerino delle stupidaggini in mano mentre il ministro dell’Interno può rivendicare il fatto che «la mia parola, la nostra parola vale più dei sondaggi, vale più di mille confronti». Salvini chiede che il Governo torni a lavorare «e a viaggiare come un treno e qualcuno la smetta di dire no perché è il momento dei sì, c’è bisogno di dire dei sì, di sbloccare cantieri, strade, autostrade, porti, aeroporti, ferrovie».

emendamento sblocca cantieri - 2

Soddisfazione la esprimono anche i capigruppo leghisti al Senato Massimiliano Romeo e Stefano Patuanelli: «Dopo esserci confrontati anche con i relatori proporremo al Senato, tra le altre cose, quanto già concordato in sede di Commissione, vale a dire un emendamento che prevede la sospensione di alcuni punti rilevanti del Codice degli appalti per due anni, in attesa di una nuova definizione delle regole per liberare da inutile burocrazia le imprese». Il ministro dell’Economia Tria ricorda da Napoli che «il Codice appalti è la fase finale, ci si deve arrivare, prima serve il progetto fatto bene, altrimenti partono i ricorsi. È un’armatura costruita intorno alla normativa europea, che è più leggera e consente a tutti evidentemente di andare avanti. Ma serve prima di tutto uno sforzo di progettazione». Fonti del M5S invece smentiscono nettamente facendo sapere che l’intesa sullo sblocca cantieri non prevede la sospensione del codice degli appalti, anche oggi la farsa può continuare.

Leggi sull’argomento: Di Maio e Salvini si sono sentiti al telefono. Ora sì che possiamo vivere con le pezze al c… ma felici