La macchina del funky

Luigia Auriemma: chi è l'avvocata a cui si rivolse Virginia Raggi

virginia raggi raffaele marra daniele frongia salvatore romeo

Luigia Auriemma è l’avvocata a cui Virginia Raggi si rivolse per sostenere la legalità dell’incarico a Salvatore Romeo dopo aver promosso il dipendente grillino a capo della sua segreteria con il triplo dello stipendio che prendeva in Campidoglio. Lo scrive oggi Il Fatto Quotidiano in un articolo a firma di Marco Lillo e Valeria Pacelli, che racconta di come

A RACCONTARE la scena la prima volta era stata il magistrato Carla Raineri, allora capo di gabinetto del sindaco. In un memoriale – ora finito in un fascicolo sulle nomine al Campidoglio senza reati né indagati – la Raineri racconta dei presunti tentativi sull’allora avvocato del Campidoglio Rodolfo Murra “per indurlo a mutare opinione” su Romeo. Scrive la Raineri che quando la Raggi si accorse che Murra non era d’accordo con lei sulla nomina del capo segreteria “si rivolse ad una giovane avvocatessa sua amica, (…) la quale trovò un precedente costituito da un sospetto e risalente parere dell’avvocatura capitolina e da un regolamento del Comune di Firenze”.
E ancora: “Con questi documenti – continua il memoriale –conovocò l’avvocato Murra (secondo quanto dal medesimo riferitomi) sottoponendolo a un fuoco di fila alla presenza della giovanissima avvocatessa sua amica per indurlo a mutare opinione. Cosa che Murra si rifiutò di fare”.

Il Fatto pubblica anche uno status su Facebook dell’avvocata Auriemma, che nel frattempo però ha criptato il profilo. A fare il suo nome è stato Rodolfo Murra, che è stato sentito nei giorni scorsi dai magistrati e ieri ha anche parlato del suo periodo in Campidoglio prima che venisse mandato via dopo questa faccenda e i contrasti con Romeo e Marra:

luigia auriemma virginia raggi
Il post di Luigia Auriemma su Virginia Raggi

I pm il 16 dicembre scorso hanno convocato Rodolfo Murra il quale ha spiegato che la giovane avvocatessa era Luigia Auriemma, laureata in Giurisprudenza nel 2003. La stessa che nel giugno scorso lavorava nello studio dell’avvocato Domenico Naso. Quest’ultimo frequentò un corso all’università Roma Tre in diritto dell’informatica, stessa università dove si è laureata nel 2003 Virginia Raggi.

Insomma, l’avvocata Auriemma sosteneva che fosse tutto in regola anche se a quanto pare il suo parere non è mai stato protocollato dalla sindaca. Le indagini ci diranno se aveva ragione.
EDIT: Dallo studio Pistolese riceviamo e pubblichiamo questa rettifica in nome e per conto di Luigia Auriemma:
rettifica luigia auriemma
La replica degli autori dell’articolo sul Fatto Quotidiano del 21/12 (pag. 12):

Nel nostro articolo abbiamo riportato quanto sostenuto nel suo esposto dall’ex capo di gabinetto Carla Raineri. Quanto alla sua presenza nello studio Naso, ci siamo basati sulla carta intestata usata dallo studio Naso in un atto del 24 giugno 2016, presente sul sito internet dello studio. Peraltro Auriemma (che non smentisce né che la Raggi sia stata sua testimone di nozze, né di essere stata presente all’incontro con l’avvocato capitolino Murra descritto nell’articolo) è stata da noi più volte contattata un giorno prima della pubblicazione, per email e poi via telefono cellulare e non ha risposto. Ha richiamato soltanto alle 23.10 quando il giornale era ovviamente chiuso.

Leggi sull’argomento: Il dipendente del Comune che urlava “Abbiamo vinto” dopo il trionfo della Raggi