Attualità

Così la Lombardia e l’Italia fanno meno tamponi

un nuovo report della Fondazione Gimbe, il cui presidente Nino Cartabellotta la settimana scorsa aveva polemizzato con i vertici della Regione Lombardia sulla questione del gaming

test tampone coronavirus

Il Fatto Quotidiano oggi parla di un nuovo report della Fondazione Gimbe, il cui presidente Nino Cartabellotta la settimana scorsa aveva polemizzato con i vertici della Regione Lombardia sulla questione del gaming, segnalando che i tamponi in Italia sono passati dai 265.360 della settimana dal 17 al 24 maggio ai 233.898 della successiva (25-31) con una diminuzione dell’11,4%, per poi scendere a 193.567 nella settimana successiva con un decremento del 17,6%.

Secondo il report quindicinale della Fondazione Gimbe, che esce oggi, i tamponi in Italia sono passati dai 265.360 della settimana dal 17 al 24 maggio ai 233.898 della successiva (25-31) con una diminuzione dell’11,4%, per poi scendere a 193.567 nella settimana dal 1° al 7 giugno con un decremento del 17,6%. Fin qui i tamponi totali, compresi i test di controllo per verificare la negativizzazione (almeno due per ciascun paziente). I tamponi diagnostici, nelle tre settimane, sono scesi da 442.052 a 431.727 e poi a 357.796, con un primo calo del 2,3% e poi del 17,1%. Quasi un tampone su cinque in meno, 73.931 test non eseguiti rispetto alla settimana precedente. Il commissario Domenico Arcuri sostiene che arriveremo a 90mila tamponi al giorno ma la strada sembra sempre più in salita.

fondazione gimbe regione lombardia
I tamponi diagnostici nelle regioni (Corriere della Sera, 29 maggio 2020)

Sotto la media nazionale c’è la Lombardia. I tamponi sono passati infatti dagli 83.633 della settimana 25-31 maggio ai68.103 dei primi sette giorni di giugno: il calo è dunque del 18,6%. Si capisce meglio, così, la scelta del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di sanità di non indicare i parametri dell’attività di testing and tracing nelle “pagelle” diffuse settimanalmente, l’ultima sabato 6 con riferimento ai casi rilevati tra il 25 e il 31 maggio, che rimandano ai contagi avvenuti nei 15-20 giorni

Leggi anche: Il focolaio del San Raffaele arriva a 55 casi (e a Guidonia)