Opinioni

L'innesco di un ordigno ritrovato in casa di un collaboratore della Giunta Raggi

Un collaboratore della giunta Raggi ha trovato l’innesco di un ordigno nella sua abitazione a Roma. Lo hanno annunciato la sindaca e Beppe Grillo sul blog del capo politico del MoVimento 5 Stelle:
innesco ordigno giunta raggi 1

Un collaboratore della giunta M5S di Roma, è stato oggetto di una minaccia inaccettabile in un Paese civile: il ritrovamento dell’innesco di un ordigno nella sua abitazione a Roma. Si tratta di un messaggio che le forze dell’ordine, alle quali va un ringraziamento per il lavoro svolto con serietà e discrezione, hanno valutato come un atto intimidatorio. Diamo fastidio a qualcuno. Le indagini sono in corso e non vogliamo disturbare chi se ne sta occupando in queste ore. Siamo pronti a collaborare con le forze dell’ordine e chiediamo al ministero dell’Interno di intervenire quanto prima.

L’agenzia di stampa ANSA dice che l’innesco dell’ordigno è stato ritrovato davanti alla porta-finestra della casa, al piano terra, di un collaboratore del vicesindaco di Roma Daniele Frongia. L’uomo è un attivista del M5S da lungo tempo e non si occupa di un settore in particolare. Dunque, tra le ipotesi investigative, ci sarebbe anche quella di un avvertimento indiretto, ovvero non necessariamente diretto al collaboratore del vicesindaco. L’innesco è stato lasciato davanti l’ingresso dell’abitazione dove l’uomo, che sarebbe molto spaventato, vive con la sua famiglia. Sull’episodio avvenuto nei giorni scorsi indaga la Digos. Il post su Facebook di Grillo viene immediatamente condiviso da Luigi Di Maio: «Un abbraccio a Virginia Raggi, la sua Giunta, i Consiglieri comunali e tutti i loro collaboratori. Non avrei mai immaginato che si passasse già agli ordigni dopo soli tre mesi. Evidentemente siamo sulla strada giusta. E a chi vuole liberarsi di noi dico che è difficile vincere con chi non si arrende mai. Cittadini di Roma stateci vicino».
innesco ordigno giunta raggi-2