Fact checking

L'enorme differenza tra Podemos e M5S

pablo iglesias podemos 1

La vittoria di Podemos alle amministrative di Spagna è l’ennesimo trionfo contro l’Austerity. I popolari, travolti dal ciclone di Podemos, rischiano di perdere il controllo di diversi Comuni e delle Regioni di Valencia, Cantabria, Aragona, Castiglia e Mancia, Baleari, nonostante abbiano avuto un maggior numero di voti. Podemos ha preso il controllo di Barcellona, e con ogni probabilità di altre città a partire da Madrid,Valencia e Saragozza, e ha scardinato il vecchio bipartitismo che perde 3,2 milioni di voti rispetto al 2011. Eppure, anche se Alessandro Di Battista e soci si sono lasciati andare in questi mesi in paragoni improponibili, c’è una enorme differenza tra Podemos e MoVimento 5 Stelle. E la differenza si può riassumere in questa infografica pubblicata oggi da Repubblica che mostra la situazione delle regioni spagnole:
podemos movimento 5 stelle
L’ENORME DIFFERENZA TRA PODEMOS E MOVIMENTO 5 STELLE
A Madrid, nella città, sarà infatti sindaco Manuela Carmena sostenuta da Podemos e con l’appoggio esterno del PSOE. A Barcellona sarà sindaco Ada Colau sostenuta da Podemos e indipendentisti. Nelle regioni si vede che saranno tante le alleanze di Podemos con il PSOE e con Izquierda Unida. In una parola, Podemos ha deciso di fare alleanze per arrivare al potere, collaborando con i partiti che sente come culturalmente più affini. Una differenza spiegata anche da Juan Pablo Montedero, uno dei fondatori del movimento spagnolo, in questa intervista al Corriere:

«Non può esistere un partito che dipenda da una sola persona che cambia idea a seconda del momento politico il M5S è stato fondamentale per destrutturare il sistema politico italiano, ma poi ha fallito nel processo di costruzione di un ideale e di un’azione concreta», dice Montedero. Un’altra differenza la spiega durante l’intervista: «A differenza del MoVimento 5 Stelle, noi siamo coscienti che gran parte delle nostre Costituzioni, compresa quella italiana del 1948, sono state scritte da chi ha vinto la seconda guerra mondiale, e sono imbevute dell’antifascismo che si trova nel DNA dello Stato sociale democratico di diritto. Questo ci colloca in una famiglia politica che, anche se l’asse destra-sinistra non funziona più, ci consente di riconoscere che il meglio della nostra società l’ha costruito la sinistra». Non solo: in questa intervista rilasciata a Cadena Ser e pubblicata in Italia da Repubblica Iglesias va ancora più in là con il discorso delle alleanze:

Ha ricevuto telefonate da Mariano Rajoy, Pedro Sánchez, Albert Rivera?
«No, devo dire che non mi ha chiamato nessuno. E del resto neppure io ho il loro telefono. Però, quello che più importa è che ho parlato con Ada Colau e Manuela Carmena, e ho potuto sentire la grande soddisfazione per questo risultato storico a Barcellona e Madrid».
Però, vista la situazione, forse dovreste cominciare a scambiarvi i numeri di telefono. Perché ora comincia in Spagna l’epoca dei patti.
«Se mi date una mano, per me va benissimo. Sarei felice di avere il numero di Rajoy».
E’ arrivato il tempo dei patti in questo paese?
«E’ arrivato il tempo del cambiamento.La gente non ha votato per fare dei patti ma per cambiare. Noi siamo coscienti del fatto che dobbiamo intenderci. Però l’abbiamo già detto durante la campagna elettorale e lo ripetiamo: quelli che hanno applicato politiche fallimentari in questo paese, dovranno fare un’inversione di rotta di 180 gradi per potersi intendere con noi. Mi pare che sia questo il messaggio che viene dai cittadini».

PODEMOS AUSTERITA'
COSA DICE SULL’EURO LA SINISTRA RADICALE
Un’altra differenza palpabile tra MoVimento 5 Stelle e Podemos è la posizione sull’euro e sull’Europa, di cui abbiamo già parlatoCosa propone in economia?

Nel programma di Podemos c’è un ampio capitolo sull’economia che prevede il controllo pubblico delle banche, l’introduzione della Tobin tax sulle transazioni finanziarie, un inasprimento delle pene per i reati fiscali e una nuova legge sui mutui per la prima casa, problema che in Spagna riguarda centinaia di migliaia di famiglie, che imponga un tetto massimo delle rate del 30% dei redditi complessivi del nucleo familiare. Tra i progetti anche il salario sociale per tutti e, per limitare la concentrazione di potere dei gruppi editoriali, il limite del 15% di proprietà per ogni azienda.

E i candidati come li sceglie?

I candidati alle europee furono votati online (e non era necessaria alcuna iscrizione, tutti potevano farlo). Ma rispetto ai grillini, i promotori di Podemos hanno affidato tutto a una società esterna che lavora con un programma open source, che a sua volta si fa controllare gli esiti delle varie votazioni su documenti e organizzazione da un’altra associazione ancora.

Con un programma del genere Pablo Iglesias riesce in quello che per la politica italiana è un miracolo: raccogliere i voti della destra pur presentandosi come forza di sinistra. Senza però fare la guerra alla moneta unica: «Non è possibile uscire dell’euro adesso. Per cambiare la situazione attuale serve ripartire da Maastricht; allora si fecero numerosi errori che hanno portato a questa Europa delle disuguaglianze, dove ci ritroviamo coloni di Berlino senza diritti sociali» (La Repubblica). Come ricordavamo all’epoca, Nacho Alvarez, uno degli economisti del team di Podemos, ha recentemente illustrato la proposta del partito che, prendendo atto dell’insostenibilità del debito spagnolo, avanza l’idea di una ristrutturazione consistente in un mix composto da riduzione degli interessi, allungamento delle scadenze e haircut del debito. L’obiettivo di Podemos, secondo Alvarez, non è quello di uscire dall’euro, ma neppure di rimanervi a qualsiasi costo. Una posizione che mette al primo posto il benessere del paese. Eppure non è così in Spagna, dove Podemos viene osteggiata, rileva Münchau, e accusata di voler importare il modello venezuelano. Invece è perfettamente logico dire, come fa Podemos, che il debito è insostenibile e che non si possono accettare decenni di stagnazione per il rifiuto di riformare le politiche e le istituzioni dell’eurozona.