Fact checking

L’eurodeputata Laura Ferrara e il video manipolato di Milena Gabanelli

laura ferrara milena gabanelli dataroom reddito di cittadinanza video manipolato - 2

L’eurodeputata del MoVimento 5 Stelle Laura Ferrara ha trovato l’arma finale per mettere a tacere le polemiche sul Reddito di cittadinanza. Perché se l’ex conduttrice di Report, la giornalista Milena Gabanelli, da molti considerata imparziale e preparatissima, dice che il Reddito di cittadinanza si può fare allora deve essere certamente così. Ed è per questo che la Ferrara ha postato ieri un video dove la Gabanelli sembra dire che il Reddito di cittadinanza si può fare. Peccato però che il video sia tagliato.

Il taglia e cuci del M5S sul video di Dataroom sul reddito di cittadinanza

Dove si trovano questi 17 miliardi di euro? Con “nuove tasse su banche, assicurazioni e concessioni” dice la Gabanelli nel video postato dalla Ferrara che però ha tagliato la parte successiva, quella in cui la giornalista fa notare che poi magari queste tasse “le scaricano aumentando i costi per i cittadini“. Evidentemente il MoVimento 5 Stelle non vuole far pensare che il reddito di cittadinanza lo devono pagare i cittadini stessi. Meglio far credere che a sostenerne i costi siano “i cattivi”, le lobby, la casta.

laura ferrara milena gabanelli dataroom reddito di cittadinanza - 1

Ma la misura del M5S, che prevede una spesa di 17 miliardi (29 secondo l’INPS) è sostenibile? Il video di Laura Ferrara non lascia spazio a dubbi: «La Ragioneria dello Stato ha detto sì» conclude la Gabanelli. Proprio  le stesse parole utilizzate dal MoVimento 5 Stelle durante la campagna elettorale.

Insomma la Gabanelli diventa la testimonial perfetta per il programma del MoVimento. Prima “smonta” le misure di sostegno alla povertà proposte da Partito Democratico e da Silvio Berlusconi e poi “approva” il reddito di cittadinanza dei 5 Stelle.

Cosa dice davvero la Gabanelli sul reddito di cittadinanza del M5S

Peccato però che il fact checking della Gabanelli non si concluda lì. Nel video integrale infatti prosegue dicendo che «è bene sapere che tutti i paesi europei hanno messo cifre ben più consistenti per contenere la povertà, ma dentro a piani strutturati che prevedono contemporaneamente la creazione di posti di lavoro e la lotta all’evasione fiscale».

Un piano complessivo, continua la giornalista nel video pubblicato il 21 febbraio scorso, che «in questa campagna elettorale nessun partito ha» e, conclude «il rischio è che qualunque misura vada ad aumentare il debito». Non proprio un atteggiamento virtuoso. E si capisce qui perché il MoVimento 5 Stelle ha preferito tagliare questa parte. Perché nel video manipolato la Gabanelli critica solo le proposte di PD e Forza Italia lasciando intendere che quella del M5S è l’unica credibile e indolore. Ma non è così. Ciononostante il video con i tagli operati da Laura Ferrara ha ottenuto oltre 4mila condivisioni.

laura ferrara milena gabanelli dataroom reddito di cittadinanza video manipolato - 3

Tra i commenti al video c’è anche quello – firmato da Milena Gabanelli – postato da Dataroom. Nel commento la giornalista si rivolge a Laura Ferrara e scrive: «il video che avete pubblicato è diverso dall’originale. Avete tagliato alcune parti e, di conseguenza, il messaggio complessivo risulta alterato. Nessuno impedisce di pubblicare il video di Dataroom, ma modificarne il senso è scorretto». Il video però è ancora online.