Opinioni

«La polizia a Piazza Indipendenza è stata disumana»

piazza indipendenza scontri 1

“E’ da stamane che sto piangendo, la polizia e’ stata disumana. Gente con le stampelle che non riusciva a camminare e’ stata cacciata con gli idranti. Un’altra signora colpita dalla forza dell’acqua e’ stata addirittura scaraventata a terra”. Così una giovane rifugiata eritrea, in Italia da 13 anni, ha raccontato ai microfoni del Tg2000, il telegiornale di Tv2000, lo sgombero di diversi migranti, in gran parte rifugiati, accampati in piazza Indipendenza a Roma dopo essere stati evacuati dall’ex sede di Federconsorzi e Ispra il 19 agosto scorso.

“Stamattina – ha aggiunto la rifugiata eritrea che da due anni abitava nello stabile – è successo il putiferio. Dal 19 agosto ho perso tutto sono riuscita a prendere solo i documenti, il resto delle mie cose sono rimaste li’: scarpe, gioielli, valigie. All’interno dell’edificio negli scorsi anni non è stato mai trovato alcun delinquente o terrorista. Tutti avevano i documenti in regola: rifugiati e richiedenti asilo politico. Anche questa mattina, come il 19 agosto, i poliziotti sono arrivati all’improvviso. Nessuno ci ha avvisati, sono rimasta traumatizzata. Ora non so cosa fare – ha concluso la giovane – ho perso tutto. Sono 13 anni che sto in Italia. I bambini ieri si sentivano in galera e stamane li ho visti per terra traumatizzati. Questa gente ora non ha piu’ un posto dove andare. L’edificio era abitato da 400-500 persone. Tutti rifugiati politici di nazionalita’ eritrea ed etiope. Non vi era alcun criminale, tutti avevano i documenti in regola”.