Politica

La pericolosa battaglia di Nogarin contro i vaccini obbligatori in Toscana

filippo nogarin vaccinazioni obbligatorie asilo toscana - 3

Due giorni la giunta della Regione Toscana, seguendo l’esempio dell’Emilia Romagna, ha approvato una bozza di legge regionale che introduce l’obbligo di vaccinazione per tutti i bambini che frequentano il primo anno degli asili nido e delle scuole materne. Si tratta di una legge che già qualche tempo fa aveva suscitato le proteste di un gruppo di genitori toscani che aveva promosso una raccolta firme per chiedere all’assessora alla Sanità Stefania Saccardi di fare marcia indietro. Ieri sono scesi invece in campo i Cinque Stelle che per bocca del consigliere regionale Andrea Quartini hanno definito la legge varata ieri dalla Giunta “un’aberrazione inutile”.

Cosa prevede la legge approvata dalla Regione Toscana

L’assessora Saccardi ritiene che il provvedimento potrà entrare in vigore sicuramente entro l’inizio del prossimo anno scolastico. Per diventare legge ora la bozza dovrà passare in Consiglio per la definitiva approvazione e il problema principale, al di là dell’opposizione dei Cinque Stelle sta nel fatto che la legge sarà valida non solo per nidi d’infanzia ma anche per l’accesso ai servizi integrativi per la prima infanzia (eccezion fatta per le ludoteche) e alla scuola dell’infanzia (ovvero la scuola materna). Infatti il Ministero dell’Istruzione ha parificato la scuola alla scuola dell’obbligo e quindi potrebbe esserci qualche problema nell’imporre la vaccinazione obbligatoria come requisito d’accesso perché andrebbe a intaccare il diritto allo studio. La decisione di rendere obbligatorie non solo le vaccinazioni che già sono obbligatorie (poliomielite, difterite, tetano, epatite B) ma anche quelle raccomandate quali pertosse e haemophilus B (che sono nell’esavalente insieme ai 4 obbligatori), meningococco C e B, pneumococco, morbillo, rosolia, parotite, varicella è dovuta al sensibile calo della copertura vaccinale al di sotto della soglia considerata di rischio del 95% della popolazione. Ad esempio la Regione fa sapere che

per la polio nel 2012 la copertura era al 95,3%, nel 2015 è scesa al 94,9%; per la difterite, 96,5% nel 2012, 94,9% nel 2015; per l’epatite B, 95,1% nel 2012, 94,8% nel 2015. La flessione interessa anche le altre vaccinazioni del calendario regionale quali varicella, parotite, rosolia, morbillo, queste ultime oggetto, tra l’altro, di uno specifico programma nazionale di eliminazione. Anche qui, qualche esempio: morbillo, 91,1% nel 2012, 88,7% nel 2015; rosolia, 91,1% nel 2012, 88,6% nel 2015

E così mentre Quartini – che è medico – annuncia battaglia chiedendo che prima dell’approvazione vengano fatte “audizioni di medici, infettivologi, dirigenti sanitari, forze dell’ordine, dirigenti scolastici e genitori” e parla del fatto che nella proposta di legge prevederebbe addirittura l’avvio di un Trattamento sanitario obbligatorio (TSO)

ci riserviamo di chiedere chiarimenti in merito al comma 2 dell’art. 1 dove addirittura il PD arriva a dichiarare il trattamento sanitario obbligatorio per i minori in strutture: parliamo di orfani o figli di tossicodipendenti dove lo Stato procederebbe a forme coattive di vaccinazione senza chiedere il consenso ai tutori, genitori o altro che siano.

Un termine forse eccessivo e usato per fare propaganda visto che il TSO è un’altra cosa ed ha parametri e criteri di applicazione abbastanza rigorosi (che richiede tra le altre cose l’intervento del Sindaco) che difficilmente comprendono le vaccinazioni pediatriche. Quartini in ogni caso ritiene che vada favorita la diffusione dei vaccini  “tramite campagne informative corrette che ricerchino il consenso, ma l’obbligatorietà è sbagliata”
filippo nogarin vaccinazioni obbligatorie asilo toscana

Tutti contro Nogarin che si oppone all’obbligo vaccinale

Sulla questione è intervenuto su Facebook anche il sindaco di Livorno Filippo Nogarin che in un post ha spiegato che “rendere obbligatori i vaccini per i bimbi che vogliono frequentare l’asilo è una forzatura insopportabile. Come è possibile anche solo pensare di imporre un divieto simile, creando una divisione di fatto tra bambini di serie A e bambini di serie B?” e che il MoVimento è favorevole alla vaccinazione ma che la scelta deve essere individuale e che per raggiungere risultati migliori bisogna lavorare sulla prevenzione (che sarebbero appunto i vaccini) l’informazione e la comunicazione. Nogarin dimentica due cose: la prima è che in quanto sindaco è la massima autorità in campo sanitario per la sua città e che un’uscita del genere non è proprio consona al ruolo che riveste, qualcuno potrebbe addirittura ritenere che si tratti di un’affermazione piuttosto grave (anche se non arriva ai livelli di quella del sindaco di Resana Lorsi Mazzorato). Le vaccinazioni sono un obiettivo di primaria importanza per la sanità pubblica e un sindaco non dovrebbe esprimersi in un modo che, con la scusa di voler difendere le libertà individuali, fornisce un argomento a tutti quelli che si oppongono ai vaccini in nome dell’ultima teoria complottista di grido. La seconda invece è che l’obbligo vaccinale in Italia è ancora vigente (non solo in Toscana ma ovunque tranne in Veneto). In molti hanno commentato per far notare a Nogarin un concetto chiave della lotta alle malattie tramite i vaccini ovvero l’effetto gregge. Tra questi anche Salvo Di Grazia, il medico autore del blog MedBunker
filippo nogarin vaccinazioni obbligatorie asilo toscana
Mentre un altro paladino della lotta contro l’anti-vaccinismo, Roberto Burioni ha dedicato all’uscita di Nogarin un post dove con i soliti toni polemici spiega che quella fornita dai vaccini è una protezione importante e sicura per la lotta contro malattie spesso terribili (pensiamo alla poliomielite). I vaccini sono il modo con cui lo Stato protegge i suoi cittadini e non sono un modo per limitarne la libertà, non più di quanto l’obbligo di indossare le cinture di sicurezza quando si sale all’interno di un auto non è una crudele intromissione del legislatore nella sfera delle libertà individuali.

I Cinque Stelle a parole dicono spesso di voler essere a favore dei vaccini ma – forse per tenere buono il loro bacino elettorale – non prendono mai una posizione chiara sulle vaccinazioni obbligatorie. In Emilia Romagna avrebbero preferito aspettare, vedere se le campagne informative funzionano (il calo registrato in Veneto dal momento in cui è stato tolto l’obbligo è una risposta sufficiente), temporeggiare insomma. Ma mentre i Cinque Stelle democristianamente temporeggiano, in barba alle evidenze scientifiche, la copertura vaccinale continua lentamente a scendere. E a quel punto sì che ci saranno bambini di serie A, che non prendono il morbillo, e bambini di serie B, che si ammalano. Questa è la vera differenza.