Attualità

La grande idea degli elettori di destra: i “pinguini” contro le “sardine”

Meglio di King Kong contro Godzilla e di Casalino contro Morisi: i pinguini salviniani che vogliono mangiarsi le sardine. Ma per ora di scendere in piazza non se ne parla, lo si farà solo se e quando il gruppo raggiungerà quota centomila iscritti (ovvero mai)

pinguini sardine - 1

«È necessario non lasciare le piazze alle Sardine, dobbiamo mangiarcele. Se ognuno di noi dà il proprio contributo e riusciamo a spanderci a macchia d’olio in tutta Italia, possiamo fare molto, pertanto, dedichiamo un po’ di tempo perché non possiamo lasciare la piazza alle zecche». Hanno le idee chiare i Pinguini, il gruppo nato come reazione contro le Sardine che a loro volta sono contro Salvini il quale invece punta tutto sui gattini (che al mercato suo padre comprò).

Pinguini tattici salviniani

Ieri Salvini si è mangiato un panino con le sardine assieme a Mario Giordano. Chissà se è stata questa la scintilla che ha fatto nascere l’idea dei pinguini. Entrare nel gruppo non è facile, ma dopo una serie di tentativi abbiamo scoperto che se avete un profilo da over 50 (ok boomer) avete più possibilità di entrare. L’obiettivo è semplice: rispondere alle manifestazioni delle sardine con una mobilitazione massiccia. Non che servisse un gruppo per farlo, le manifestazioni di Modena e Bologna sono state organizzate tramite un evento Facebook. Per ora il gruppo ha poco più di tremila adesioni ma gli amministratori puntano ad almeno 100mila iscritti prima di partire con la fase due.

pinguini sardine - 11

Perché a differenza delle sardinepinguini vogliono darsi fin da subito una struttura, un assetto sociale, per poter meglio dominare la banchisa polare e – in futuro – anche le piazze. Una volta raggiunta la soglia critica verranno nominati i coordinatori regionali i quali creeranno un gruppo locale che a sua volta deciderà ogni singola azione dei “pinguini”.

pinguini sardine - 8
Un admin si lamenta delle discriminazioni subite, perché nessuno pensa ai pinguini?

Perché le sardine puntano a manifestazioni in molte città italiane, e i sostenitori di Salvini non vogliono essere da meno. E se le sardine non vogliono essere politicizzate i pinguini puntano a superare le crepe del centrodestra: «dobbiamo essere compatti, abbiamo una missione da compiere pertanto niente distinzioni Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia. Queste cose si vedranno dopo».

pinguini sardine - 13

Nel frattempo si parla già di strategie e si analizza quello della specie “avversaria”. Le sardine, scrive un membro dei pinguini, «stanno usando la stessa tattica che ha adottato la destra fino ad ora e cioè, quella di farsi attaccare (soprattutto mediaticamente) per evidenziare la cattiveria “gratuita” dell’avversario. Invito sempre a usare toni pacati e minacciosi». Esattamente come i pinguini di Madagascar anche quelli salviniani devono essere carini e coccolosi.

Pinguini, sardine, grilli e la politica diventa uno zoo

Mentre l’amministratore del gruppo gioisce per il successo dell’iniziativa (i giornali ne parlano!1) e punta già al prossimo obiettivo (quota 5mila) i partecipanti si dividono sulla scelta dell’animale guida. Perché proprio il pinguino? D’accordo, il pinguino si nutre di pesce e quindi presumibilmente anche di sardine, ma la scelta non è chiara.

pinguini sardine - 4 pinguini sardine - 6Ad esempio c’è quello che dice che forse era meglio puntare sui gatti, che godono del favore del leader e della pubblicità sulle pagine ufficiali della Lega. Anche perché i pinguini, sottolinea, sono animali promiscui con “istinti omosessuali” (e allega link dimostrativo). Poco male, risponde un’altra «Salvini comprenderà che i pinguini sono in un certo senso come i gattini». Rimane il problema che i pinguini, a differenza di sardine e gattini, sono una specie alloctona nell’ecosistema naturale dello Stivale. Insomma sono degli immigrati che vengono dal Sud del Mondo.

pinguini sardine - 7

Ma visto che bisogna mangiare sardine va bene tutto. Anche presentarsi come “squali”, “lupi” o “delfini”, c’è tutto un bestiario fantastico di quarantenni e cinquantenni che fanno post con il loro nome di battaglia e che fanno a gara a chi è il predatore più grosso. Rigorosamente italiani perché qui il sovranismo è una cosa seria. O si fa l’Italia o si muore. A costo di doverla fare in Antartide.

pinguini sardine - 9

«Quando lupo chiama i falchi rispondono» scrive un tizio appena entrato. La sentite la potenza animalesca del predatore? Sembra quasi di stare in un episodio di Manimal. E i paragoni potrebbero continuare, ancora nessuno si è accorto che il Penguin è uno dei villain di Batman, un poveretto abbandonato dai genitori a causa delle sue deformità. E nonostante la sua passione per le sardine nulla ha potuto contro l’uomo-pipistrello. Presto fate i casting per trovare un politico che interpreti Batman.

pinguini sardine - 10

Non manca naturalmente uno sguardo “darwinista” al campo avversario. Ci si congratula per il balzo evolutivo dei sinistri che da zecche ora sono diventate sardine. E via a consultare Wikpedia per dimostrare che le sardine (il pesce) non sono intelligenti e valgono poco. Oppure a condividere le migliori ricette su come cucinare le sardine, meglio farle alla griglia, impanate e fritte oppure al forno gratinate e croccanti? Ai pinguini per ora piacciono le freddure e gli sfottò. Il resto non conta.

pinguini sardine - 3E visto che Salvini ci ha insegnato di andare a curiosare su chi c’è dietro certi movimenti lo abbiamo fatto. Il fondatore del gruppo è un certo Leonardo Cisari (o Cisaria) che qualche anno fa gestiva un blog dove faceva le “condoglianze” al figlio di Nichi Vendola e che attualmente si diletta a fare meme (con word, nel senso che sono meme fatti proprio con l’editor di testo). Giusto ieri sera il capo pinguino ha scritto «Ieri un blitz dei centri sociali durante una cena della Lega a Genova. Bisogna riprendere le pistole? Basta dirlo». Ora a parte il fatto che il blitz non è di ieri ma di quasi un anno fa (5 dicembre 2018) per fortuna che invece che prendere le pistole ha pensato di dare vita al movimento dei Pinguini. Che con il loro buffo incedere sapranno sicuramente farsi largo nelle piazze. Ma solo quando nel gruppo saranno centomila. Quindi coraggio, andate a dare una mano.

Leggi anche: La paura di Salvini e Morisi per le Sardine che hanno fatto fuori la Bestia