Trend

La gaffe di Marco Marsilio sull’Abruzzo “che si affaccia su tre mari” | VIDEO

Il presidente abruzzese, durante l’ultima seduta del consiglio Regionale, si è prodigato in una lezione di geografia dai confini decisamente errati

Marsilio

La moltiplicazione dei mari e dei pesci. Nel centrodestra ci sono evidenti problemi con la geografia, come già mostrato in passato con altri illustri esponenti. L’ultimo protagonista di questo atlante sovranista è il Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio che, durante la seduta di ieri – martedì 9 giugno – del Consiglio Regionale, ha voluto esaltare gli sbocchi sul mare della sua terra per criticare l’assenza di un’autorità portuale. Talmente tanto è stato l’entusiasmo, che l’esponente di Fratelli d’Italia ha moltiplicato gli affacci marini. Insomma, per la serie: piccoli Borgonzoni crescono.

Marsilio, il Presidente dell’Abruzzo che non conosce i mari che bagnano l’Abruzzo

“L’Abruzzo, se togliamo la Basilicata che non ha una particolare estensione di costa, e il Molise per lo stesso ragionamento, è l’unica regione che si affaccia sui due mari, anzi sui tre mari, compreso lo Ionio, è l’unica regione che non ha un’autorità di sistema portuale”, ha detto Marsilio parlando ai consiglieri presenti durante la riunione. Ma ne siamo proprio sicuri? Non perché non ci fidiamo, ma proviamo a dare una rapida occhiata alla mappa dell’Italia (da Google Maps).

Marsilio Gaffe Abruzzo Mari

La geografia, dunque, viene riscritta – ancora una volta- da un esponente del centrodestra per l’ennesima volta. I primi due a inaugurare questa revisione su “mappa” furono Lucia Borgonzoni – che non conosceva i confini della “sua” Emilia-Romagna – e Matteo Salvini che aveva confuso il labile confine tra Cina e Giappone.

Ma ecco che Marco Marsilio riesce a conquistare la lode in geografia con questa gaffe. Persino i giovani scolari che frequentano la scuola primaria di primo grado sanno che l’Abruzzo è bagnato da un solo mare (l’Adriatico). A Ovest, infatti, la Regione confina solamente con il Lazio (che la divide, abbondantemente, dal mar Tirreno), mentre a Nord e Sud incontra rispettivamente Marche e Molise. E nulla più. Ma per Marsilio la sua Regione ha sbocchi sul mare ovunque. Perché il sovranismo geografico, evidentemente, passa anche dai porti. Aperti, questa volta.

(Foto IPP/Luciano Adriani)