Opinioni

La foto della ragazza con il volto insanguinato alla festa dell'Unità di Bologna

Oggi si è parlato molto di questa foto pubblicato dalla pagina Facebook del Collettivo Hobo Bologna in cui si vede una ragazza dal volto insanguinato colpita durante la carica della polizia ai manifestanti in occasione della festa dell’Unità e dell’intervento del presidente del Consiglio Matteo Renzi.
hobo bologna festa unità 1
La foto è stata pubblicata nell’immediatezza dei fatti da Fatto Quotidiano e Repubblica Bologna, come si può vedere in questo stamp (grazie a Mirko):
screen
 
Ma in molti ne avevano messo in dubbio l’autenticità (“sembra brasiliana, ha le labbra tipo trans, ok?”). Il Collettivo Hobo, fonte primaria della foto, ha pubblicato poco fa le foto di alcuni referti di persone che si sono fatte medicare dopo gli scontri, insieme alla foto “incriminata”:
collettivo hobo bologna 2
Nei due referti si legge che la ragazza ha riferito di essere stata colpita al capo con un manganello, e presenta “un trauma cranico minore” e “una piccola ferita lacerocontusa del cuoio capelluto”.
collettivo hobo bologna 3 collettivo hobo bologna 4
“La Procura procede celermente come sempre nell’accertamento della responsabilità”, ha detto il procuratore aggiunto portavoce della Procura di Bologna Valter Giovannini, parlando dei tafferugli di ieri alla Festa dell’Unità. Tre esponenti dei collettivi che hanno manifestato contro il presidente del Consiglio Matteo Renzi erano stati trattenuti e identificati già ieri, e quindi denunciati. I filmati dei tafferugli, anche quelli girati dalla polizia scientifica, sono all’esame degli investigatori della Digos che puntano a identificare altri manifestanti che hanno preso parte alla protesta e stabilire le responsabilità di alcuni episodi specifici. In particolare, chi ha lanciato un mattone contro un giornalista e chi ha tirato un calcio a un fotografo. Hobo è il collettivo i cui membri sono stati protagonisti della contestazione a Bologna al leader della Lega Matteo Salvini, l’8 novembre, e del danneggiamento della sede Pd di via Galliera, il successivo 20 novembre quando Matteo Renzi chiuse la campagna per le regionali. Ieri era stata ricoverata all’ospedale Sant’Orsola per una frattura scomposta al braccio destro la donna di 60 anni rimasta ferita nel corso degli scontri. La signora non fa parte dei collettivi, ma era nell’area della protesta. Probabilmente è stata travolta dalla folla. Era stato invece dimesso uno dei due contestatori rimasti feriti: si tratta di una ragazza di 23 anni. L’altro ferito, un 21enne, era sotto osservazione ieri in serata. In questo video la ragazza racconta l’accaduto:

Leggi sull’argomento: Il collettivo Hobo e le cariche della polizia alla festa dell’Unità di Bologna