Opinioni

La famiglia cacciata dal B&B per il figlio autistico

Una famiglia composta da padre, madre e figlio 21/enne, bergamaschi, sono stati ‘cacciati’, secondo quanto hanno raccontato, da un B&B in Liguria, a Pietra Ligure (Savona), perché il ragazzo, Fabio, è autistico e avrebbe potuto creare disagi agli altri clienti. Ma la titolare ha smentito tutto. Il racconto sul Fatto di oggi:

Secondo la mamma prima di prenotare aveva parlato con i titolari: “Siamo arrivati l’8 agosto a mezzogiorno – riferisce la donna – Abbiamo trascorso il pomeriggio al mare, ma una volta tornati in stanza la sera mio figlio ha cominciato a camminare con insistenza avanti e indietro tra la camera e il bagno. Non faceva né schiamazzi né urla, ma la titolare ha bussato alla porta e, infastidita, ci ha invitato a far cambiare atteggiamento a Fabio e, se questo non fosse avvenuto, la mattina seguente avremmo dovuto lasciare la struttura. Ero sconvolta: ho preparato le valigie e siamo ripartiti”.
“Non ho cacciato nessuno, loro se ne sono andati dopo la discussione e non è vero che mi avevano detto delle condizioni del figlio – replicano dal B&B La sera il ragazzo era in bagno con la porta aperta, urlando, in un andirivieni tra la camera e il bagno: una situazione insostenibile”.

pietra ligure
Prima di lasciarli andare via, i gestori dicono di aver restituito la caparra.