Economia

La crisi pagata dai bambini

la crisi pagata dai bambini 1

È la diseguaglianza più profonda che attraversa l’Italia: un milione 260 mila minorenni vivono in stato di povertà assoluta e 500 mila non hanno i soldi sufficienti a mettere regolarmente proteine nel piatto. E nello stesso decennio (2008-2018), racconta La Stampa, in cui il numero di under 18 indigenti è triplicato, non è aumentata per contro la quota di over 65 poveri: più si è giovani più è alto il dazio che si paga alla crisi.

Così oggi in Italia un povero su due ha meno di 34 anni. La povertà non è solo nel portafogli, ma è anche educativa e culturale. Con la spesa per l’istruzione al suo minimo storico (3,5% del Pil) e la preparazione degli studenti sotto la media europea, oggi la scuola non è più uno strumento capace di sconfiggere le diseguaglianze. Il circolo, insomma, è vizioso.

la crisi pagata dai bambini
Incidenza della povertà assoluta per fasce di età (La Stampa, 28 ottobre 2019)

Vivono in povertà assoluta un under 18 su sei al Sud, uno su nove al Nord e uno su dieci al Centro. Ma i dati dell’Istat e dell’Atlante dell’infanzia a rischio di Save The Children dicono che il problema è strutturale e in buona misura passa sopra le differenze socio-economiche che separano le regioni più ricche dal Mezzogiorno.

la crisi pagata dai bambini 1
0-17enni in povertà assoluta (La Stampa, 28 ottobre 2019)

In dieci anni le nascite sono crollate del 23,7%, passando da 576 mila a 432 mila. La discesa è attenuata dal robusto contributo (il 15% del totale) dei neonati da genitori stranieri. Intanto la spesa pubblica per l’istruzione è al minimo storico: 3,5% del Pil. Il confronto con le pensioni (20%) dice che per ogni euro investito nella scuola ce ne sono quasi sei destinati alla previdenza.

Leggi anche: La seconda puntata di Report sulla Lega, Giorgia Meloni e la Bestia di Salvini