Opinioni

Fake news oppio dei popoli: il caso dell’«invasione»

Il concetto marxista di “oppio dei popoli” andrebbe applicato oggi non alla religione, bensì alle fake news. Così come inizialmente postulato da Feuerbach, la religione porterebbe l’uomo all’alienazione tramite l’invenzione di un Dio, che allontanerebbe così l’uomo dalla realtà portandolo all’immiserimento. Sebbene il ragionamento sia volutamente semplificato, esso può essere applicato oggi alle fake news propagate da svariati siti di tendenza complottista, sovranista e anti-globalista. Nonostante la pletora di utenti somari che restano ammaliati da cotanta abbondanza di scempiaggini in salsa no-vax, no-Euro, no-banche, no-Bilderberg etc. sia variegata, un tema che fa sempre breccia nei leoni da tastiera di Twitter – rigorosamente con vessillo italico al fianco della loro falsa identità – è quello dell’INVASIONE.

Recentemente due fonti autorevoli in tema di pseudo-cospirazioni varie (Breitbart Voice of Europe) hanno “informato” il popolo bue di come l’immigrazione di massa – voluta da fantasmagorici piani Kalergi finanziati da Soros e logge pluto-giudaiche-massoniche che esistono solo nelle loro teste (vuote) – stia spingendo i giovani francesi, ormai ostaggi dei criminali extra-comunitari, a insediarsi nella democratica e liberale Ungheria del ducetto Orban. Tutto questo, ovviamente, senza citare alcun numero. Bene, andiamo a vedere se i numeri confermano tali fantasie. Da dati Eurostat (ultimo anno disponibile: 2016; si veda tabella sottostante) risulta che il numero totale di persone immigrate in Ungheria sia 53.618. Di questi, solo 373 arrivano dalla Francia. Ovvero meno dello 0,7%! Ma andiamo a scomporre tali numeri per fasce d’età, al fine di comprendere se siano i giovani a trainare tale imponente fenomeno:

ungheria invasione

Beh, focalizzandoci sulla popolazione immigrata compresa tra 20 e 24 anni la percentuale sale a 1,3% per un totale di 114 persone! E ora come farà l’Ungheria a fronteggiare questo esodo biblico?

Leggi sull’argomento: Quelli che vogliono portare i soldi all’estero