Opinioni

Ilaria Capua e la storia delle scuse del M5S

Nell’intervista rilasciata a Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera in cui ha raccontato la vicenda dell’indagine per traffico di virus in cui è stata dapprima coinvolta e poi completamente scagionata, Ilaria Capua aveva parlato anche dell’accoglienza che le avevano riservato in parlamento quando la notizia venne pubblicata da l’Espresso:

E in Parlamento, dov’era stata eletta con Mario Monti?
«Alcuni, di destra e di sinistra, mi rincuorarono: “Sono accuse che cadranno”. Altri mi linciarono. Come in commissione cultura dove il grillino Gianluca Vacca mi aggredì con una violenza… Scoppiai a piangere. Lì, in commissione, davanti a gente che conoscevo appena. Un’altra grillina, l’onorevole Silvia Chimienti intimava sulla sua pagina Facebook: “Traffico illecito di virus. Nel dubbio dimettiti!”. Di colpo ero una appestata».
Certi furono ancora più duri, come i frequentatori della pagina Facebook «noivotiamoM5S». Le rileggo qualche commento: «Poi la fanno ministro della sanità, troia». «Grandissima zoccola!» «Se la notizia fosse vera, meriterebbe di iniettarglielo a forza il virus…» «Hija de puta». «Iniettatela a lei!!!!» «Alla gogna!!!!».
«Non volevo neppure vederli, quei commenti. Li ho letti dopo. Odio puro. Odio. Sul niente».
Querele in arrivo, adesso?
«Vediamo. L’Espresso l’avevo querelato subito. Ma in questo momento mi devo prima di tutto “de-comprimere”. Troppa tensione accumulata. Vorrei tornare a dormire, finalmente».

ilaria capua espresso abate
Oggi Paolo Mieli sul Corriere della Sera ha detto che la Chimienti ha telefonato alla Capua per “esprimerle il proprio rammarico” per la posizione espressa due anni fa:

Un ultimo elemento di questa vicenda può offrire uno spunto di riflessione al mondo della politica. Ieri all’alba la parlamentare del Movimento Cinque Stelle di cui si è detto poc’anzi, Silvia Chimienti (quella che aveva chiesto le dimissioni immediate) ha telefonato oltreoceano alla Capua per esprimerle il proprio rammarico per la sua presa di posizione di oltre due anni fa. Lei lo ha fatto. Altri no.

Ma sulla bacheca della pagina Facebook di Silvia Chimienti e sul sito del MoVimento 5 Stelle c’è un comunicato in cui si dice tutt’altro:

Ci rallegra la notizia del proscioglimento della deputata e collega e in commissione Cultura Ilaria Capua dall’accusa di essere coinvolta in un presunto traffico illegale di virus. Umanamente non potevamo che sperare che la vicenda si concludesse con un esito positivo e così è stato, per cui auguriamo a Capua di superare quanto prima le difficoltà e le angosce che le sono derivate a causa di questa vicenda.
Al contempo però non possiamo condividere alcuni giudizi espressi da Capua nei nostri confronti e rispedire al mittente le accuse che ci sono state rivolte da alcuni suoi colleghi di partito. Quando, nel 2014, la deputata di Scelta Civica venne iscritta nel registro degli indagati dalla Procura di Roma noi chiedemmo soltanto una cosa: che Capua lasciasse il ruolo di vice presidente della commissione Cultura. Questo per due ragioni: il primo di opportunità politica, il secondo perché eravamo già privi della presidenza, a causa delle note vicende che avevano coinvolto Giancarlo Galan e, dunque, la situazione rispetto alle cariche di commissione presentava una situazione critica.
Dunque, nessun giustizialismo, attacco violento o ostracismo da parte nostra nei confronti della collega. Un fatto comprovato anche dall’atteggiamento tenuto nei suoi confronti negli ultimi due anni: più di una volta in commissione c’è stato infatti modo di confrontarci positivamente e di collaborare con la collega.

Ovvero ci si rallegra per il proscioglimento ma contemporaneamente si precisa che si respingono le accuse “rivolte da colleghi di partito” della Capua, ribadendo che all’epoca il M5S chiese “soltanto” le dimissioni da vicepresidente della Commissione cultura. Il che, concorderà anche Mieli, pare leggermente diverso dall'”esprimere il proprio rammarico per la presa di posizione” dell’epoca. Curioso, no? E altrettanto curioso è che, come segnala un utente sulla sua pagina fan, la Chimienti abbia cancellato dal suo sito il post (ancora per qualche giorno raggiungibile via cache di google) in cui chiedeva le dimissioni della Capua dalla commissione cultura:
ilaria capua silvia chimienti 1
 

Leggi sull’argomento: Ilaria Capua e lo strano caso delle interviste parallele