Economia

«Il reddito di cittadinanza disincentiva il lavoro»

francesca puglisi

Francesca Puglisi, sottosegretaria al Lavoro in quota PD, parla oggi con il Corriere della Sera dei problemi del reddito di cittadinanza contestando alcuni meccanismi che disincentivano la ricerca di un lavoro da parte dei percettori:

E sul reddito di cittadinanza cosa intende cambiare?
«Parto da una premessa. Chi dice che il reddito va abolito non ha capito nulla di quello che è successo alle elezioni del 2018. Il reddito è utilissimo ma servono dei correttivi per evitare che funzioni come disincentivo al lavoro».

E quali sarebbero i correttivi?
«Oggi i percettori del reddito perdono l’intero sussidio anche se trovano un lavoretto da pochi euro. E invece bisogna incentivare l ’accettazione di occupazioni anche a tempo parziale, scontando dal sussidio le somme guadagnate soltanto fino a una certa soglia. Così renderemmo vantaggioso lavorare piuttosto che stare a casa con il sussidio. E poi bisogna anche slegare i destini di ogni componente del nucleo familiare».

reddito di cittadinanza
Il reddito di cittadinanza (Il Messaggero, 28 dicembre 2019)

Cosa intende?
«Oggi se il padre prende il reddito e il figlio convivente trova un lavoro, la famiglia perde l’intero sussidio. Anche questo è un disincentivo al lavoro che va corretto».

Sottosegretaria, sul reddito di cittadinanza il M5S è ancora più rigido: non si tocca nemmeno mezza virgola. Davvero pensa che possano essere d’accordo?
«Mi permetto di ricordare ai nostri alleati una regola aurea della politica, che mi sembra ancora valida: se c’è qualcuno che attacca una misura che tu hai creato, la cosa più intelligente da fare è provare a cambiarla in meglio».

Leggi anche: Se il PD cambia il nome ma non il decreto sicurezza Salvini vincerà sempre