Attualità

Il Fatto e i dieci nuovi errori della Lombardia

Il Fatto Quotidiano oggi apre con i dieci nuovi errori della Lombardia, partendo dalla curiosa (o comprensibilissima) riduzione dei tamponi per arrivare all’ospedale in Fiera

dieci nuovi errori della lombardia

Dopo quelli elencati a marzo, il Fatto Quotidiano oggi apre con i dieci nuovi errori della Lombardia, partendo dalla curiosa (o comprensibilissima) riduzione dei tamponi per arrivare all’ospedale in Fiera. Vediamo i primi tre:

1. Tamponi. La Regione Lombardia è ancora drammaticamente indietro nel numero di tamponi eseguiti. A livello nazionale è al 12° posto, con 64 test per 100 mila abitanti. La media ormai consolidata è di 12 mila tamponi al giorno. Di questi, solo il 50% è diagnostico, cioè eseguito per la prima volta. Connumeri così esigui è difficile aver un quadro epidemiologico chiaro. Rispetto alle segnalazioni di casi sospetti che arrivano alle Ats dai medici di base, è ancora forte il ritardo nell’esecuzione dei test. L’esempio più clamoroso è quello di Brescia: a fronte di 624 casi sospetti Covid segnalati tra il 18 e il 21 maggio, è stata eseguito un solo tampone.

In tutto, dall’inizio della Fase 2, dal 4 maggio, è stato testato – secondo un report riservato della Regione – soltanto 1 caso sospetto su 3. Scarseggiano i reagenti (sempre a Brescia, lo screening su 3 mila lavoratori si è dovuto bloccare e i campioni di sangue sono finiti nel congelatore, in attesa di tempi migliori). Infine, tardiva è stata la scelta di effettuare test prima a medici e infermieri. Risultato: record di operatori sanitari contagiati.

dieci nuovi errori della lombardia

2. Contact tracing. Lo scopo è individuare in modo rapido possibili nuovi focolai. Anche qui, bersaglio mancato. Secondo il consigliere regionale Pd Samuele Astuti, per ogni contagio le Ats seguono solo due contatti. In Veneto, invece, fino a 12. Il mancato tracciamento epidemiologico è stata una delle cause delle diffusione esponenziale registrata nella Fase 1.

3. Test Sierologici. Sono partiti in ritardo e la Regione ha puntato su un solo test (Diasorin), con una gara di assegnazione finita anche sul tavolo della procura di Milano. Al 21 maggio i test eseguiti erano 113.709: molto pochi. Il 19% è risultato positivo, cioè 22 mila persone che dovranno essere testate con i tamponi. Una settimana fa, la Regione assicurava che entro massimo 48 ore a queste persone sarebbe stato effettuato il tampone. A oggi, non è dato sapere se questo sia successo e per quanti. Vi è poi la questione dei test rapidi, sostenuti a gran voce dal virologo Massimo Galli, ma bocciati dallaRegione. In alcuni comuni –come Cisliano –i sindaci hanno eseguito autonomamente test rapidi, individuando alte percentuali di positivi agli anticorpi. A queste persone l’Ats non ha ancora eseguito il tampone, non considerando valido il test sierologico rapido.

Leggi anche: Come la Lombardia rischia di restare chiusa dopo il 3 giugno