Politica

I senatori M5S "molto arrabbiati" per il governo M5S-PD

neXt quotidiano|

alfano-giarrusso

Il Fatto Quotidiano racconta oggi che le chat degli eletti del MoVimento 5 Stelle ribollono da quando la lista dei sottosegretari e dei viceministri del governo Conte Bis ha certificato la loro esclusione dai posti di governo. E la maretta è pericolosa soprattutto in Senato, dove la maggioranza è più ballerina:

Non hanno ancora digerito la loro esclusione dal governo. E adesso i vertici Cinque Stelle temono conseguenze in Parlamento. O meglio, in Senato: proprio là dove i numeri sono stretti, siedono alcuni degli esclusi eccellenti del Conte 2.

C’è Danilo Toninelli, assai amareggiato per la mancata riconferma. Così come Vincenzo Santangelo, che era sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento. E Barbara Lezzi, che faceva la ministra per il Sud. E pure Michele Giarrusso, che al governo non c’è mai stato, ma l’altroieri si è messo subito a sparare a zero contro le scelte di Luigi Di Maio.

Il problema, ragiona chi ha visto le chat infuocate, è che sono tutti “veterani ”del Movimento, non neofiti come quel Gianluigi Paragone che non ha votato la fiducia martedì. E dunque la loro opposizione porterebbe di certo con sé altri colleghi fidati. L’unica speranza, insomma, è che l’arrabbiatura passi in fretta.

Leggi anche: Luigi Di Maio annuncia il “patto civico” per l’Umbria (con il PD)