Politica

I parlamentari M5S che si lamentano per gli stipendi spolpati

statuto parlamentari m5s -2

Il nuovo meccanismo delle restituzioni del MoVimento 5 Stelle sta facendo arrabbiare i parlamentari, che evidentemente non avevano fatto bene i conti all’inizio ma adesso hanno capito che con le nuove norme e regole andranno a perderci molti soldi. Scrive oggi Repubblica:

Una settimana fa il blog ha pubblicato le nuove regole e proprio in questi giorni i parlamentari si trovano a fare i primi versamenti. Che per gli ultimi tre mesi sono forfettari: 6500 euro al fondo per il microcredito e 950 euro a Rousseau, l’associazione presieduta da Davide Casaleggio (da luglio, invece, ci saranno delle cifre fisse per diaria e spese di vitto e alloggio, oltre a rendicontazioni più vincolanti e 300 euro al mese per Rousseau).
.
In fila in banca per pagare, con le “prove” dei versamenti effettuati da girare all’ufficio comunicazione che poi dovrà allestire il nuovo sito Tirendiconto (“Gli attivisti ci stanno col fiato sul collo”, confessava qualche settimana fa la deputata Fabiana Dadone) non pochi parlamentari hanno cominciato a fare calcoli. E a lamentarsi: «Così ci perdiamo».

rendiconto m5s restituzioni regolamento 2018 rousseau - 1

E quindi c’è già chi è preoccupato per un tenore di vita che dovrà necessariamente cambiare, a partire dagli affitti a Roma:

All’Adnkronos, il senatore Franco Ortolani, professore di geologia in pensione, dice: «Sto facendo fare le opportune valutazioni a un paio di miei amici commercialisti. Voglio capire cosa mi succederà con la prossima dichiarazione dei redditi. E come me stanno facendo altri colleghi». La preoccupazione dei parlamentari-professionisti, esattamente come cinque anni, è che salga molto la tassazione, tanto da erodere il guadagno.

«A me interessa una sola cosa – continua Ortolani – il contributo che sono stato chiamato a dare voglio poterlo fornire in tutta trasparenza senza avere ripercussioni negative dal punto di vista economico».

Leggi: Ecco a voi il fondo per il sostegno del MoVimento 5 Stelle (coi soldi dei rimborsi ai parlamentari)