Fatti

"Ha esperienza politica, non ha bisogno di slogan", Morgan descrive Meloni con gli occhi a cuoricino

neXt quotidiano|

Morgan

Non ha mai nascosto le sue simpatie per Giorgia Meloni e il suo ruolo di leader politica di Fratelli d’Italia. Aveva detto, prima di essere smentito dai diretti interessati, di aver addirittura contribuito alla stesura del programma del partito in vista delle elezioni che, poi, hanno indicato FdI come il partito “più amato dagli italiani”. Ora, a pochi giorni dall’ufficializzazione del risultato elettorale, Marco Castoldi – in arte Morgan – torna a esaltare la figura di quella donna che (a meno di sorprese) diventerà la prossima Presidente del Consiglio dei Ministri.

Morgan torna a esaltare Giorgia Meloni per la sua esperienza politica

Intervistato da AdnKronos, il cantautore milanese ha “scritto” un vero e proprio panegirico attorno a Giorgia Meloni. Ha detto di averle telefonato per congratularsi con lei immediatamente dopo il risultato elettorale, suggerendole di inserire il suo amico Vittorio Sgarbi nella prossima squadra di governo con il ruolo di Ministro della Cultura. E non solo, perché i complimenti non si sono fermati solo a questo:

“Meloni ha una grandissima esperienza politica, è stata sempre vicina alla gente. È una donna che ha il senso della società ed è interessata ai bisogni delle persone. Non ha bisogno di andare a comprarsi gli slogan come fanno i politici che vivono fuori dal mondo”.

Slogan, dunque, che non sarebbero presenti nella narrazione politica “fai da te” di Giorgia Meloni. Con buona pace delle traslitterazioni in ogni lingua di “tormentoni” come “Io sono Giorgia, sono una donna, sono una mamma, sono cristiana”. Oppure il rilancio continuo del grido “Blocco Navale”. Insomma, un campionario non in rima che va avanti da tempo e che il cantautore sembra aver dimenticato. Ma Morgan difende la leder di Fratelli d’Italia anche dalle polemiche per l’estremismo di destra delle sue politiche (soprattutto a livello sociale):

“Basta con questo spauracchio della deriva fascista è una puttana*a pazzesca! Parlano di fascismo perché evidentemente non hanno altri argomenti. I mie colleghi, i cantanti che continuano gridare ‘fascismo, fascismo’ sono soltanto degli individualisti che pensano solo al loro conto in banca, non gliene frega niente della società. L’alternanza politica è un segno di democrazia. Meloni è l’unica che è stata in grado di fare opposizione in questi anni”.

(Foto/IPP/Gioia Botteghi)