Opinioni

La solidarietà di Meloni a Giulia Sarti per le foto hot

Giorgia Meloni è la prima politica italiana ad esprimere solidarietà nei confronti di Giulia Sarti per il ritorno online delle foto e dei video hot rubati nel 2013 in occasione del leak del contenuto della sua mail personale e che oggi sono di nuovo oggetto di discussione perché qualcuno le sta inviando sui cellulari dei giornalisti, come denunciato ieri da Paolo Mieli durante Otto e mezzo.

giulia sarti foto hot giorgia meloni

Solidarietà a Giulia Sarti. A prescindere dalle idee politiche o dalle interpretazioni della vicenda, è deplorevole e inconcepibile che vengano divulgati dettagli della propria intimità. Una violenza sulla quale mi aspetto una condanna netta da parte di tutta la politica italiana.

Anche la deputata Pd Anna Ascani difende Giulia Sarti in un post su Facebook:

giulia sarti foto hot anna ascani

“Tutto mi separa da Giulia Sarti. L’ho sentita pronunciare parole ignobili sugli avversari politici. E i suoi raggiri sui bonifici fatti e poi ritirati, con tanto di accuse all’ex fidanzato, sono esecrabili. Ma quel che sta subendo riguardo la sua vita privata è vergognoso. E il silenzio degli esponenti del suo ex partito e’ altrettanto penoso. A lei va la mia piena solidarietà di donna impegnata in politica”
Più tardi è arrivato anche il tweet di Paola Taverna, prima dei 5 Stelle ad esprimersi sulla vicenda delle foto hot:
giulia sarti foto paola taverna

Sul leak venne presentata all’epoca una denuncia e un esposto un anno fa, quando, dopo lo scoppio della Rimborsopoli grillina, erano tornate a circolare sui circolari e su Whatsapp. La denuncia è approdata da Rimini a Bologna dove le indagini sono di competenza della polizia postale. In una nota la senatrice del Movimento 5 Stelle Elvira Evangelista annuncia l’arrivo in commissione del disegno di legge contro il revenge porn: “Domani in commissione Giustizia inizia l’esame del disegno di legge a mia prima firma per prevenire e punire il cosiddetto ‘revenge porn’, cioè la pubblicazione e diffusione di materiale sessualmente esplicito senza il consenso della persona coinvolta. Spesso questi comportamenti sono frutto di vendette da parte di ex partner. È un fenomeno drammatico che ha ormai assunto una portata preoccupante. Succede troppo spesso che tante vittime, nella maggior parte dei casi donne, vivono un autentico incubo con gravi conseguenze psicologiche e sociali – continua – La vicenda di Tiziana Cantone, che non riuscì mai superare il trauma fino a togliersi la vita, è quella più conosciuta. Ma accade ovunque in Italia e dobbiamo intervenire con urgenza per punire questa violenza. Da un lato vogliamo un’efficace repressione, dall’altro con questa proposta puntiamo sulla prevenzione e sull’educazione a un uso consapevole della rete. Un principio fondamentale per il Movimento 5 Stelle che crede più di tutti nelle potenzialità del web”

Leggi anche: Bogdan Tibusche, Giulia Sarti e il servizio su video e telecamere alle Iene

Mario Neri

Mario Neri è uno pseudonimo. La foto di Cattivik che usa come immagine del profilo lo rappresenta pienamente