Politica

Gerarda Russo: la candidata della Lega in Basilicata che dice: “Io sono fascista”

Il video in un comizio a Melfi che la ritrae mentre urla “Io sono fascista”. E le sue spiegazioni successive (che sono ancora più interessanti)

gerarda russo

Lei si chiama Gerarda Russo, è candidata della Lega in Basilicata dove tra poco si vota per scegliere il governatore e il consiglio regionale, e durante un comizio a Melfi ha rivendicato orgogliosamente di essere fascista.

Gerarda Russo: la candidata della Lega in Basilicata che dice: “Io sono fascista”

L’uscita è testimoniata da un video tagliato in cui, mentre il pubblico ascolta ma soprattutto rumoreggia e contesta, Gerarda Russo dice orgogliosamente “Io sono fascista”.

La candidata però su Facebook ha voluto far sapere che la frase è stata tagliata ad arte e suonava diversa quando l’ha pronunciata:

Ecco il video integrale del mio comizio. Strumentalizzare un concetto di una frase è da vigliacchi quali siete. La frase è: “Se Fascista vuol dire essere a favore del popolo allora io sono Fascista” che equivale a dire “se essere Populista vuol dire essere a favore del popolo allora io sono Populista”. È stata una risposta data a quei ragazzi che non conoscono il senso della democrazia contestando durante il comizio e accusandomi di essere Fascista.

Nessuno del nostro partito si è mai permesso di contestare i loro capi politici! Ragazzi pilotati da qualcuno che non voleva si svolgesse il comizio. Mi avete definita anche razzista, xenofoba e populista… sono orgogliosa di essere Italiana come ha detto Matteo Salvini.
Al posto di fare campagne elettorali basate su offese e campagne denigratorie pensate a farle su progetti… che forse non avete!

La candidata quindi ritiene che fascista possa essere un sinonimo di “a favore del popolo”. Viste le centinaia di migliaia di rappresentanti del popolo massacrati a causa (per la guerra) o per iniziativa del regime fascista, figuratevi se era contro.

Leggi anche: Cosa c’è di vero nella storia di Salvini che chiude i porti e salva i migranti dalla morte (niente)