Fact checking

Il Gender trionfa con Valeria Fedeli all'Istruzione!1

valeria fedeli ministra istruzione gender

Ieri i ministri del governo Gentiloni hanno giurato al Quirinale davanti al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, tra loro anche la neoministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, già vicepresidente del Senato e firmataria del “famigerato” DDL Fedeli che secondo certe interpretazioni molto libere avrebbe dovuto introdurre il Gender nelle scuole convertendo all’omosessualismo militante professori e studenti della scuola pubblica. Inoltre la Ministra Fedeli è stata anche tra le firmatarie del DDL Cirinnà sulle Unioni Civili e si è molto operata per la difesa dei diritti civili, la lotta al bullismo e il superamento delle disuguaglianze di genere.
valeria fedeli ministra istruzione gender

Valeri Fedeli, la ministra con la delega al Gender

Come è noto si tratta di argomenti che non piacciono molto alle molte anime del Popolo del Family Day che invece preferiscono che la donna sia sottomessa all’uomo e che i froci non possano godere degli stessi diritti delle persone eterosessuali (in fondo per alcuni di loro l’omosessualità è una malattia). Va da sé quindi che la notizia del conferimento dell’incarico alla senatrice Fedeli sia stato accolto con una salva di articoli e post di denuncia che spiegano come – adesso che all’Istruzione c’è la Fedeli – il Gender abbia segnato un punto importante nella battaglia per la conquista delle menti dei fanciulli e la loro conversione alla causa dell’uguaglianza tra uomo e donna. Scrive ad esempio Osservatorio Gender (un sito fatto da persone che tutto il tempo stanno a guardare il nulla cercando scorgere segni di niente) che la “Garrula e Sciagurata Ministra” che la nomina della Fedeli è una provocazione nei confronti dei difensori della famiglia naturale (possibilmente fondata sul matrimonio) e di quell’ampio movimento di popolo che è sceso in piazza contro il diritto di due persone dello stesso sesso di unirsi in matrimonio paventando la fine dei tempi e la distruzione della società civile. Si tratta delle stesse persone che in occasione del referendum sulla riforma costituzionale del 4 dicembre invitavano a votare No (nel merito eh) spiegando che se la riforma fosse stata approvata allora le lobby gender avrebbero avuto la strada spianata per porre in essere il loro piano per la conquista del Paese fatto di droghe libere e eutanasia infantile.

valeria fedeli ministra istruzione gender
Fonte: difendiamoinostrifigli.it

 
Anche la Manif Italia, ovvero le Sentinelle in Piedi, è già sul piede di guerra ed annuncia una mobilitazione popolare sotto al MIUR perché la nomina al Ministero dell’Istruzione è “quanto di peggio si potesse solo lontanamente immaginare” (e sappiamo che l’immaginazione delle Sentinelle è davvero senza limiti). La Fedeli viene descritta come “la più tenace e ideologica sostenitrice della manipolazione dei programmi scolastici di ogni ordine e grado secondo i dettami delle teorie di genere” e viene paventato il rischio che le scuole diventino “ancor più campi di rieducazione ideologica“. Posizione davvero interessante visto che, stando alle numerose dichiarazioni fatte dai Genitori Preoccupati™ in questi ultimi anni in teoria tutto quello che ci avvertono potrebbe succedere dovrebbe già essere successo. Prendiamo ad esempio la famosa bufala dell’OMS che invita a insegnare la masturbazione in classe, sembrava fosse arrivata l’apocalisse eppure non è successo nulla. L’approvazione delle Unioni Civili avrebbe fatto collassare la società, mettendo bambini innocenti nelle mani di pericolosi pederasti e pedofili. Nemmeno questo è successo. E anche la presa di posizione del Papa, davvero poco informata, contro i pericoli della famigerata educazione gender è stata vista come quello che era davvero: le chiacchiere da bar di un buffo signore vestito di bianco.
valeria fedeli ministra istruzione gender
Nel frattempo invece don Mauro Inzoli, che ha preso parte al convegno in difesa della famiglia organizzato da Regione Lombardia assieme a molti esponenti di punta del Family Day è stato condannato a a 4 anni e 9 mesi di carcere dal tribunale per abusi sessuali nei confronti di cinque ragazzini che avevano dai 12 ai 16 anni al momento dei fatti. Mentre monsignor Tony Anatrella, psicanalista che dalle pagine di Avvenire metteva in guardia contro i pericoli del gender è stato accusato di violentare i propri pazienti.
valeria fedeli ministra istruzione gender
L’editoriale di Adinolfi su La Croce

Secondo il leader del Popolo della Famiglia, il partito politico fondato da Mario Adinolfi per cavalcare l’onda del Family Day invece la nomina della Fedeli oltre che essere pericolosa per il mondo delle famiglie naturali che vogliono difender e i propri figli dalle lobby LGBT è il segno manifesto del fatto che i cattolici sono irrilevanti nella politica italiana. Per il fondatore del Popolo della Famiglia (e candidato sindaco alle scorse amministrative a Roma) l’unica strada per evitare che il programma anti-famiglie delle lobby LGBT (che prevede, testuali parole, per il 2018 droga libera e per il 2019 eutanasia) è quella di costituire un soggetto politico cattolico in grado di rappresentare degnamente le famiglie cattoliche nella politica italiana. Quale? Il suo ovviamente, l’unico che ha un programma chiaro e forte per far sì che i cattolici possano tornare alla guida del Paese. Per Adinolfi, forte dei consensi oceanici raccolti a Roma l’unica strada da percorrere è quella di seguirlo. E con un leader così la strada verso la conquista di Palazzo Chigi è praticamente spianata.