Fatti

Fedez bannato dalla Rai, anzi no: il rapper sarà ospite di Fazio su RaiTre

Il rapper torna a calcare i palcoscenici della televisione pubblica dopo le polemiche per il suo discorso sul palco del Concerto del Primo Maggio e le accuse ai vertici dell’azienda

Fedez contro Renzi

Quel che è accaduto prima, durante e dopo l’ultimo Concertone del primo maggio doveva lasciare segni indelebili. I vertici della Rai, infatti, hanno querelato Fedez per le “accuse di censura” e il rapper aveva contro-querelato la televisione pubblica e i vertici di RaiTre (canale che ha trasmesso l’evento, ma non lo ha organizzato). Ora, a cinque mesi di distanza, il colpo di scena: nonostante il “ban” figlio di quella causa ancora in corso, il cantante tornerà davanti alle telecamere proprio di RaiTre: domenica sarà ospite di Fabio Fazio a “Che Tempo che Fa”.

Fedez torna in onda sui canali Rai, sarà ospite di Fabio Fazio

A rivelare la partecipazione di Fedez alla sua trasmissione è stato proprio il conduttore che, in un’intervista a “Tv Sorrisi e Canzoni” ha svelato i protagonisti della prima puntata della nuova edizione di “Che tempo che fa”. E tra gli ospiti di domenica 3 ottobre ci sarà anche il trio che ha condizionato l’estate musicale con il loro motivetto-tormentone “Mille”. Insomma, il rapper di Rozzano sarà (ancora non è chiaro se in studio o in collegamento) in compagnia di Achille Lauro e Orietta Berti.

Un “ban” durato cinque mesi e che, secondo i proclami iniziali, sarebbe dovuto durare almeno fino al termine della causa e contro-causa tra il cantante e la televisione pubblica. Quel discorso sul palco della Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma (che ha ospitato l’ultima edizione del Concerto del Primo Maggio), dunque, sembra essere solamente un lontano ricordo. Così come le polemiche e le accuse di censura mosse da Fedez nei confronti della Rai e, in particolare, di RaiTre. Ancora una volta, dopo il caso Mauro Corona a CartaBianca, la televisione pubblica sconfessa le decisioni del direttore di rete Franco Di Mare che, nel giro di pochi giorni, vede le sue decisioni cestinate.

(Foto IPP)