Opinioni

Fausto Mesolella: addio al chitarrista degli Avion Travel

È morto oggi a causa di un problema cardiaco Fausto Mesolella, chitarrista, compositore, componente storico della Piccola Orchestra Avion Travel guidata da Peppe Servillo. La notizia è stata riportata da Red Ronnie su Twitter e poi su Instagram dove ha postato una foto del cantante, ricordando la loro amicizia e l’ultimo incontro al Roxy Bar. Nato a Caserta il 17 febbraio 1953, prende contatti con la chitarra a 12 anni per poi approdare a 18 anni nel primo gruppo, i Condor. In questo video lo si può ascoltare nell’esecuzione di ‘O Sole Mio dal suo Live ad Alcatraz:

Dopo varie esperienze, nel 1986 entra a far parte della Piccola Orchestra Avion Travel. Con gli Avion Travel nel 1987 vince la prima edizione di San Remo rock. Dal 1992 al 1994 gira anche l’Italia con la band di Paolo Belli. In mezzo a concerti e incisioni discografiche con gli Avion Travel nel 1994 forma il Nada Trio. Al festival di San Remo del 1998 gli Avion Travel vincono con la canzone “Dormi e sogna” il premio della critica, il premio come miglior arrangiamento e quello come miglior canzone. Due anni dopo nel 2000, vincono la 50ª edizione del festival di San Remo con il brano “Sentimento” che conquista anche il premio come miglior arrangiamento. Qui lo vediamo mentre suona Libertango di Astor Piazzolla al borgo di Caserta Vecchia:

Nel 2001 compone una canzone dal titolo “Si volto'” per l’album “Cieli di Toscana” di Andrea Bocelli. Nello stesso album è la chitarra solista del brano “l’ incontro”, di cui Bono degli U2 è voce recitante. Nell’estate del 2002 lavora al nuovo album degli Avion Travel e collabora al disco di Samuele Bersani. Il 15 dicembre del 2007 riceve il premio Ennio Morricone come miglior compositore all’Italia film festival di Roma per la colonna sonora del film “Lascia Perdere Johnny”. Nell’aprile 2012 esce il suo primo album da chitarrista solista, “Suonerò Fino a Farti Fiorire”, e nello stesso anno il DVD del concerto di chitarra dal vivo, Live ad Alcatraz.